Contenuto riservato agli abbonati

Comacchio, abbandono dei rifiuti in strada. Si apre lo scontro sulle quantità

Secondo l’assessore Bergonzi il fenomeno è nettamente diminuito. Gli esponenti di Civicamente non ci stanno: vogliamo vedere i dati

COMACCHIO. Gli incivili continuano ad abbandonare i rifiuti in strada o il sistema messo in campo dall’amministrazione comunale ha funzionato? Secondo l’assessore Bergonzi i dati parlano da soli, ma i consiglieri di Civicamente non ci stanno e chiedono i documenti.

DAL COMUNE


A registrare il calo è la Polizia Locale che conferma la drastica riduzione lasciati in strada, grazie a d una strategia complessiva di presidio del territorio (anche tramite fototrappole), potenziamento del servizio, incentivazione dei comportamenti corretti, comunicazione delle norme e sanzioni per gli “indisciplinati”. «La campagna di sensibilizzazione è risultata decisamente efficace e ha portato importanti, significativi e oggettivi risultati in termini di contrasto all’abbandono incivile di rifiuti sul nostro territorio - dice Bergonzi -. Ottimo motivo per continuare con decisione e fermezza questa linea. In quest’ottica, a breve, saranno posizionati nuovi cartelli, in altre nuove aree che sono state identificate come zone sensibili agli abbandoni indiscriminati». E sempre l’assessore aggiunge che «è nostro dovere contrastare con ogni mezzo – persuadendo e sanzionando – l’inciviltà per affermare con decisione il rispetto delle regole, del nostro territorio e dell’ambiente. Sono certo che sarà solo una questione di tempo, ma alla fine i risultati, come appare evidente dai dati riportati, non mancheranno». La campagna comunicativa di sensibilizzazione, affiancata ad una strategia complessiva più ampia ed evidente, «ha contribuito in maniera innegabile al contrasto al degrado urbano oltre ogni ragionevole dubbio, portando risultati tangibili che auspichiamo di migliorare». Ne è dunque convinto l’assessore al decoro urbano.

LA RICHIESTA

«Abbiamo letto con stupore le dichiarazioni rilasciate dall’ assessore Bergonzi in merito all’abbandono dei rifiuti - tuonano da Civicamente - . Forse l’assessore vive in un paese diverso dal nostro considerando che per tutta l’estate l’intera costa è stata oggetto di abbandoni selvaggi continui. Attraverso il gruppo Facebook “cassonetto sette Lidi” abbiamo raccolto centinaia di segnalazioni e abbiamo provveduto ad inoltrare a Clara oltre 300 mail. Un plauso va all’azienda che ci ha sempre risposto e ha collaborato con noi, ma l’ assessore al decoro Luca Bergonzi, destinatario anche lui di queste mail, non è mai intervenuto a dire alcunché».

Secondo i civici «grazie a questo nostro intenso lavoro, le segnalazioni alla polizia municipale sono nettamente diminuite, ma non lo sono certo stati gli abbandoni che venivano ripetute ogni giorno. Basta sentire le persone che hanno girato il territorio e si percepisce l’ esatto opposto». Infine, «pensare di poter combattere questo mal costume con dei cartelli era davvero troppo ottimistico e a questo punto chiediamo di vederli questi dati, che se confermati, dovrebbero portare un drastico calo delle spese sostenute per la raccolta dei rifiuti abbandonati».

An. Bo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA