Contenuto riservato agli abbonati

Polizia locale tutta in scuro. Nuove divise più “operative”

Cambia l’uniforme, quella tradizionale sarà utilizzata solo per le cerimonie. Al cinturone la pistola «che un estraneo non può estrarre», spray e manganello

FERRARA. Polizia locale più “scura”. La nuova divisa operativa degli agenti in servizio è stata presentata ieri mattina dal vice sindaco Nicola Lodi e dal comandante della Polizia locale Claudio Rimondi. Da lunedì infatti vedremo i nostri vigili indossare un completo blu scuro molto più comodo e funzionale specialmente durante operazioni particolarmente impegnative. «L’impegno economico – ha subito annunciato Lodi – è stato di 121 mila euro, ma il costo va a sostituire quello dei capi che verranno dismessi anche se non del tutto in quanto gli agenti li utilizzeranno durante cerimonie, inaugurazioni ed altri momenti ufficiali».

Ad indossare la nuova divisa c’erano ieri alcuni agenti tra cui una donna, tutti vestiti in modo uguale durante un momento che non è stata una sfilata di moda – ha precisato Rimondi – bensì di informazione per i cittadini affinché possano riconoscere la propria polizia municipale. «Se suoniamo il campanello di una famiglia – ha proseguito il comandante – le persone non devono avere dubbi che sono invece molto importanti specie in quest’epoca di truffe agli anziani. Suggerisco invece a chi non riconoscesse una divisa, di affacciarsi alla finestra e verificare se c’è un’auto con il lampeggiate, perché gli abiti si possono simulare ma non un mezzo».


Insistendo sul fatto che più che una divisa, il nuovo look è un’uniforme, Rimondi ha ancora puntualizzato che sarà sì, uguale per tutti, ma sotto di essa si cela una persona diversa, la sua riconoscibilità insieme al senso di appartenenza. I particolari: il cappello è ora floscio con piccola visiera; l’agente indossa poi una maglietta polo nera o a maniche lunghe o corte a seconda della stagione sulla quale vi sono il suo numero di matricola, i gradi e la scritta Polizia locale in piccolo, mentre sul retro gli stessi caratteri sono bianchi e molto evidenti. C’è ancora una giacca sahariana sempre nera per quando c’è freddo e pantaloni con foggia uguale per ogni stagione senza risvolto ma piuttosto aderenti; infine le scarpe sono state sostituite da scarponcini tipo anfibi, che proteggono maggiormente specie durante certe incursioni.

Al cinturone che è l’unico elemento bianco è appesa una radio trasmittente, una pistola «che un estraneo non è in grado di estrarre» come ha dimostrato Rimondi; poi le manette, lo spray urticante, il caricatore, i guanti antitaglio ed un manganello. Se la polizia opera sulle spiagge il colore è il bianco ed i pantaloni sono corti.

Bisognerà fare l’occhio a questo nuovo look.

Margherita Goberti

© RIPRODUZIONE RISERVATA