“Ruba” sassi in Sardegna turista nei guai

Souvenir vietati, scatta la denuncia. Coinvolto un cittadino straniero residente a Ferrara

CAPO PECORA. Tornava a Ferrara dove abita, dalla Sardegna con un “ricordo” particolare: sassi che aveva preso dalla spiaggia di Capo Pecora a Buggerru, sulla costa sud orientale della Sardegna. Peccato sia vietato, pechè ormai tutti i turisti “rubano” souvenir in sassi e sabbia portandosela a casa. Cosi, il cittadino rumeno che abita a Ferrara è stato denunciato dai funzionari dell'Agenzia delle Dogane e Monopoli di Sassari che al porto di Olbia hanno rinvenuto nel suo bagaglio i sassi. Vietati, vietatissimi: perchè sabbia e ciottoli delle spiagge sarde continuano a essere un «souvenir» ambito per i turisti, nonostante le pesanti sanzioni previste dalla legge regionale del 2017 a tutela dei litorali sardi. Anche se on calo rispetto agli anni scorsi e nonostante la campagna di comunicazione avviata da Adm con la Regione Sardegna, le razzie proseguono.

© RIPRODUZIONE RISERVATA