Contenuto riservato agli abbonati

Morì di Covid al Delta di Lagosanto, tocca al tribunale

Niente accordo per il risarcimento, l’Asl: nessuna responsabilità dei sanitari. Ora i familiari possono avviare la causa civile

FERRARA. È fallita la mediazione obbligatoria sulla chiamata in causa dell’Asl per la morte Covid di un 85enne di Renazzo, e quindi la strada della causa civile, una delle prime a livello nazionale, è spianata. Ieri pomeriggio si è svolto l’incontro tra le parti, cioè l’azienda sanitaria e i parenti del deceduto, nella sede di mediazione scelta, l’organismo Abaco di Bologna, per verificare la possibilità di un accordo stragiudiziale sulle richieste di risarcimento avanzate dalla famiglia. Di spazi non ce n’erano molti, sia per la volontà dell’Asl di non creare un precedente sia per la cifra dalla quale partivano le richieste dei familiari, superiori a 250mila euro, e difatti l’incontro si è concluso con un nulla di fatto.

«Abbiamo partecipato all’incontro pur avendo già inviato sia al mediatore che alla parte ricorrente una relazione nella quale spieghiamo - ha riferito Francesco Ferroni, il legale nominato dall’Asl per seguire il caso - perché non riscontriamo alcun profilo di responsabilità a carico dei sanitari dei due ospedali citati e dell’azienda. Nel documento si documenta ogni passaggio in maniera minuziosa, ma la sostanza della nostra posizione è chiara: è stato fatto tutto il possibile per curare il paziente poi deceduto, tenendo conto delle conoscenze di quel momento e dell’organizzazione degli ospedali in piena emergenza». Il decesso dell’85enne è avvenuto il 30 marzo 2020 all’ospedale del Delta, in piena prima ondata Covid, dopo un ricovero anche all’ospedale di Cento.

I familiari della vittima hanno avanzato richiesta di risarcimento sulla base di due assunti, ipotizzati dal loro perito medico: la possibilità che la vittima si fosse contagiata in ospedale, o che gli accertamenti Covid e le cure siano state non adeguate alla gravità del caso. Ora la vicenda può avere un seguito solo attraverso la formalizzazione di una causa civile di fronte al tribunale di Ferrara, già in sostanza avviata con i primi atti di parte. Si tratterà di una delle prime occasioni da parte di un giudice di analizzare quanto successo in quelle settimane frenetiche negli ospedali.

S.C.

© RIPRODUZIONE RISERVATA