Contenuto riservato agli abbonati

Prende a sprangate il bancomat, bloccato dai carabinieri

Assalto alla Fideuram, fermato con lo spray al peperoncino. L’allarme lanciato da un maresciallo che era in banca

FERRARA. Non si capiscono ancora le insane motivazioni che hanno spinto un uomo ieri pomeriggio attorno alle ore 17 a prendere a sprangate il bancomat esterno della Banca Fideuram in viale Cavour.

Con un una sorta di manubrio in ferro ha iniziato a colpire con forza il dispensatore di banconote con colpi violenti che sono stati avvertiti molto bene anche all’interno dell’istituto bancario.


Il destino vuole che in quel momento nella banca ci fosse anche come cliente un maresciallo dei carabinieri che in forma privata aveva bisogno di effettuare un’operazione bancaria. Il militare non ha perso tempo e ha subito avvisato i suoi colleghi di recarsi con urgenza in viale Cavour per fermare l’uomo che stava continuando a dare mazzate al bancomat.

In pochi secondi le auto in servizio dei carabinieri, subito due pattuglie si sono recati sul posto e poi ne sono arrivate altre. Per fermare l’assaltatore hanno usato anche lo spray al peperoncino e poi l’hanno bloccato, disarmato del pericoloso e ingombrante oggetto contundente e fatto salire in macchine. L’uomo è poi stato in caserma dove ha dovuto rispondere ai militari del reato che gli viene contestato.

Apparentemente il bancomat ha tenuto, guardandolo esternamente, il vetro nel complesso ha retto la massa d’urto e ai piedi del dispositivo è rimasta della polvere di cemento che si è sbriciolata.

«Al momento - ha dichiarato il responsabile della filiale bancariaFideuram - aspettiamo una verifica tecnica per sapere se il bancomat è in grado di funzionare. Per fortuna avevamo un maresciallo in banca al momento giusto e nessuno si è fatto male».

© RIPRODUZIONE RISERVATA