Automobilista cinese con patente romena, stangata di 5.000 euro di multa

Polstrada lo denuncia per falso: guidava l'auto con il documento conraffatto, non ha saputo spiegare agli agenti il motivo per cui fosse stato rilasciato dalla Romania. Scattato il sequestro anche dell'auto. Bloccato anche un ubriaco che aveva livelli di alcol 5 volte più alti del consentito

FERRARA . Lui, cittadino cinese di 38 ani, viaggiava in auto con una patente rumena: falsa, palesemente falsa come hanno riscontrato gli agenti della Polstrada di Codigoro in servizio di controllo.

Da qui la denuncia per contraffazione e uso di atti falsi nonché la stangata di 5. 000 euro come sanzione per aver guidato, di fatto senza patente ed è scattato anche il sequestro dell’auto. Lui stesso si era messo nei guai da solo, esibendo la patente senza spiegare perché l’avesse ottenuta in Romania nel 2017. Sempre gli agenti della Polstrada, durante servizi di controllo sono intervenuti in via Modena, dopo un incidente stradale: un’auto era uscita di strada, sormontando la rotonda, creando disagio alla circolazione.

Dopo i primi soccorsi all’automobilista è emerso agli agenti che l’uomo coinvolto nell’incidente non riusciva nemmeno a stare in piedi, perdendo l’equilibrio, per il troppo alcol in corpo: l’alcoltest ha registrato un tasso di oltre 5 volte il massimo consentito dalla legge che è di 0, 5 g/l. Dopo rilievi tecnici e ripristino della circolazione, l’uomo dell’Est Europa, 62 anni, è stato denunciato per guida in stato di ebbrezza, gli è stata ritirata la patente e ha subito il sequestrato il veicolo.


© RIPRODUZIONE RISERVATA