Carismatico e generoso Piero Pelù incanta e lancia messaggi sociali

CODIGORO. Con Aspettando l’aurora Piero Pelù, lunedì sera, ha aperto l’applauditissima tappa codigorese, da tutto esaurito, del suo “Gigante Tour”, durante la quale i successi di una carriera ultratrentennale si sono alternati a riflessioni legate all’attualità. La dedica ai lavoratori di Whirpool e a Raffaella Carrà, passando per le tematiche ambientali e il sostegno a Greta Thunberg, ha conquistato i favori di un pubblico numerosissimo, il quale ha cantato in coro con il rocker fiorentino, per tutta la sera.

E nel pomeriggio, durante le prove del concerto, a riprova del proprio impegno sociale, Pelù ha incontrato i ragazzi dell’associazione Più Felici e del laboratorio Delta, diretto da Cidas. Sino a notte fonda il centro di Codigoro è stato animato da giovani che hanno stazionato nelle aree ristoro di via Papa Giovanni XXIII e della via del Gusto, tra via Prampolini e Riviera Cavallotti.


Ieri sera il cantante Mario Biondi ha chiuso con il botto un’edizione di Codishow dai grandi numeri. E per restare in tema (dei botti), i carabinieri della stazione di Codigoro stanno indagando sull’esplosione di fuochi d’artificio non autorizzati e di una bomba carta, che hanno svegliato di soprassalto molti residenti, nella notte tra lunedì e ieri.

© RIPRODUZIONE RISERVATA