Vaccini in farmacia, a Ferrara ancora tutto fermo

Vaccinazioni ancora ferme in farmacia

Le dosi non arrivano e anche le richieste di prenotazione cominciano a diradarsi

FERRARA. Un percorso difficile quello che dovrebbe portare a effettuare le vaccinazioni in farmacia: si doveva partire il 6 settembre e invece è ancora tutto fermo perché i vaccini non sono pervenuti.
«Noi siamo pronti – dichiarano alla farmacia Fides di Corso Giovecca, una delle tre farmacie di Ferrara insieme alla nuova farmacia Jublin e a quella di Villa Fuvia che hanno aderito alla proposta per la somministrazione del vaccino – ma ancora il materiale non è arrivato dall’Usl. Le motivazioni non le conosco e quindi restiamo in attesa».
Non appena era stata annunciata notizia che anche le farmacie avrebbero somministrato i vaccini, la gente aveva cominciato subito a telefonare per prenotarsi, ma le farmacie non erano ancora in grado di procedere per mancanza dei vaccini, e quindi non è stato possibile fissare gli appuntamenti.


«Del resto – prosegue il titolare della Fides – noi abbiamo i frigoriferi in grado di mantenere inalterati i vaccini sono per dieci giorni e quindi non abbiamo ritenuto utile impegnare delle persone senza avere la certezza di poter procedere. Ora infatti le telefonate che inizialmente erano arrivate subito, circa una ventina, sono molto diminuite: segno che le persone si sono rese conto della situazione; mentre quelle che continuo a ricevere le “giro” ancora nei due luoghi preposti alle vaccinazioni ovvero la Casa della Salute all’ex Anna e il quartiere fieristico».
Oltre alle tre farmacie di Ferrara ve ne sono due abilitate a Bondeno, due a Cento, una a Codigoro, tre a Comacchio e una a Pilastri di Bondeno, Portomaggiore, Terre del Reno, Tresignana e Vigarano Mainarda.
M.G.
<SC1038,169> RIPRODUZIONE RISERVATA