Furto notturno alla farmacia in centro

Sempre in paese i carabinieri hanno ritrovato un 40enne scomparso dalla comunità e denunciato un 39enne straniero senza documento di soggiorno

PORTOMAGGIORE. Amara sorpresa giovedì mattina  per il titolare della “Farmacia Sabbioni”, che si trova in corso Vittorio Emanuele a  Portomaggiore.  Nella notte ignoti malviventi, dopo aver forzato la saracinesca del negozio, si sono introdotti nei locali asportando il fondo cassa di oltre duemila euro. Il sistema di allarme della farmacia è stato disattivato dai criminali, che comunque sono stati  ripresi dal sistema di videosorveglianza. I carabinieri del Nucleo operativo della compagnia e della stazione portuense hanno avviato le indagini al fine di risalire all’identità dei ladri.

Sempre giovedì a Portomaggiore, giungeva ai carabinieri una richiesta di aiuto da parte di un operatore di una struttura protetta del centro del paese, il quale segnalava la scomparsa di un ospite. Dello scomparso, un 40enne italiano, l’addetto forniva accurata descrizione fisica e dell’abbigliamento che indossava prima dell’allontanamento dalla struttura, avvenuta verso le 17.30. La Centrale operativa inviava immediatamente sul posto la pattuglia della stazione di Argenta e diramava le ricerche a tutte le autoradio in servizio, estendendole anche alle compagnie limitrofe. In tarda serata la stessa pattuglia dei carabinieri di Argenta ha ritrovato l’uomo, visibilmente disorientato, in centro a Portomaggiore provvedendo a riaccompagnarlo presso la struttura e ad affidarlo alle cure dei sanitari.

Infine, giovedì mattina i carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile della compagnia di Portomaggiore, durante operazioni di controllo hanno fermato un cittadino straniero, successivamente identificato in  un 39enne di nazionalità pachistana, il quale è risultato privo di documenti di identificazione e di soggiorno. Per questa ragione, dopo le procedure di fotosegnalamento, l’extracomunitario è stato deferito in stato di libertà, alla Procura della Repubblica di Ferrara, per la violazione della legge sull’immigrazione.