Contenuto riservato agli abbonati

Dopo l’estensione del Green Pass prenotazioni cresciute del 130%

L'annuncio scatena il boom nel Ferrarese. Confermato il contagio dello studente dell’Iti, test anche ai compagni. Terza dose al via

FERRARA. Confermato l’esito positivo del tampone molecolare all’Iti di Ferrara. L’Asl ha già avviato la procedura per l’eventuale attivazione della quarantena. Tutti i compagni di classe dello studente contagiato e una parte degli insegnanti saranno sottoposti a test molecolare. L’obiettivo di mantenere la didattica in presenza resta: completato il giro dei tamponi sarà definito il numero dei ragazzi e dei docenti che potranno continuare a frequentare e chi, eventualmente, dovrà essere isolato.

Si tratta del terzo caso di contagi in classe negli istituti locali dopo quelli di una materna (in quarantena) e di una elementare (parzialmente in quarantena), una delle quali a Ferrara, l’altra in provincia. La seconda settimana di rientro degli studenti a scuola parte quindi con i primi casi di contagio, come è avvenuto in tante altre città italiane, dove centinaia di classi sono state “quarantenate”.


I dati del mese di settembre confermano, nel Paese, che la popolazione che rischia oggi di infettarsi comprende in buona parte la fascia anagrafica sotto i 12 anni. Da qui l’attenzione riservata agli effetti sui dati di positività del rientro a scuola .

L’impennata

Bimbi e ragazzi sotto i 12 anni non possono essere vaccinati (almeno attualmente) e per questo motivo l’Asl sta cercando di far lievitare il numero delle adesioni al di sopra di questo limite d’età. A questo proposito l’annuncio dell’estensione quasi generalizzata del Green Pass a tutte le professioni e mestieri, nel settore pubblico o privato, ha contribuito a generare un’impennata di prenotazioni in tutto il Paese, in Emilia Romagna e anche a Ferrara. È stato sufficiente fissare una data ravvicinata per provocare una corsa alla vaccinazione fra chi stava ancora attendendo gli eventi senza avere una posizione contraria al vaccino. In provincia, nel giro di una settimana, da venerdì 10 settembre a venerdì 17 l’incremento delle prenotazioni è stato del 130%, secondo i dati raccolti dall’Asl, mentre il calcolo sabato su sabato dà +122%. In numeri assoluti, dai 360 prenotati di venerdì 10 settembre il conto è salito a 831 adesioni 7 giorni dopo. Un balzo che potrebbe aiutare l’Asl a raggiungere in provincia la quota ormai di sicurezza indicata anche a livello nazionale, cioè il 90% dei vaccinabili.

Parte la terza dose

Oggi, intanto, nei centri hub della provincia destinati alle vaccinazioni (Ferrara, Argenta, Codigoro, Cento) saranno somministrate le prime iniezioni della terza dose alla fascia più vulnerabile di utenza cosiddetta fragile: trapiantati, dializzati etc. In provincia conta circa 2mila pazienti che assumeranno la dose supplementare parallelamente ai prenotati per la prima e seconda dose.

Gi.Ca.

© RIPRODUZIONE RISERVATA