Contenuto riservato agli abbonati

Ferrara, più pubblico e più eventi: Pinacoteca avanti tutta

A Palazzo Diamanti in programma una serie di iniziative nel segno dell’arte. La direttrice Bagnoli: abbiamo messo in campo importanti collaborazioni

FERRARA. Pinacoteca di Ferrara, avanti tutta. I cantieri di Palazzo Diamanti, che in queste settimane stanno sventrando il piano terra soprattutto dell’ala rossettiana dell’edificio rinascimentale, non intaccano l’attività culturale, artistica ed espositiva del grande contenitore statale, che continua ad offrire ai visitatori opere di pregio che abbracciano sette secoli di storia dell’arte. I Diamanti quindi - nonostante impalcature, gru e betoniere - sono aperti al pubblico nelle stanze del piano nobile di competenza della Pinacoteca. Le sale sono state ristrutturate pochi anni fa con un nuovo percorso per il visitatore, un riordino in grado di offrire capolavori dei grandi maestri della scuola ferrarese e non solo.

VISITATORI IN AUMENTO


«Stiamo andando bene - osserva Martina Bagnoli, direttrice delle Gallerie Estensi, di cui la Pinacoteca di Ferrara fa parte - abbiamo avuto un incremento dei visitatori, in questo 2021 riscontriamo più pubblico anche rispetto all’analogo periodo del 2019. In questi mesi stiamo portando avanti importante collaborazioni con il Conservatorio, l’associazione Bal’danza. Continuiamo con iniziative che coniugano l’arte espositive delle nostre opere con spettacoli a tema e laboratori di ascolto».

Ricordiamo che la Pinacoteca è inserita nel circuito del MyFe card in attesa poi di fare magari un biglietto unico per visitare anche le mostre di Ferrara Arte sempre nel contenitore dei Diamanti, anche se nelle ultime esposizioni questo ticket è stato disatteso. Il tutto anche in sinergia con Modena e Sassuolo, gli altri centri che dipendono dalle Gallerie Estensi. La Pinacoteca nazionale in questo periodo di forzate chiusure di alcuni spazi, sta diventando sempre più un punto di riferimento museale.

PROGETTO CASTELLO

Tra l’altro, prosegue anche il progetto, una volta ultimati i restauri con il cantiere che partirà il prossimo anno, di allestire spazi espositivi al piano superiore del Castello Estense in modo da ampliare l’attività della Pinacoteca non solo nella sua sede naturale di Palazzo Diamanti, ma anche all’interno del monumento simbolo della città. Aspettando di entrare in possesso di quegli spazi, la Pinacoteca intanto prosegue nelle sue iniziative di valorizzazione, coniugando anche forme di intrattenimento con eventi specifici per il pubblico. Una volta liberati i locali dagli uffici occupati dall’amministrazione provinciale le stanze del secondo piano del Castello arricchiranno ulteriormente il percorso museale. Il tutto però non prima del 2024, data della probabile conclusione dei lavori di restauro.

SWING E COCKTAILS

Sabato 25 settembre, in occasione delle Giornate Europee del Patrimonio, la Pinacoteca Nazionale di Ferrara offre al proprio pubblico un’apertura straordinaria serale dalle 19.30 alle 22 (ultimo ingresso 21.30), al prezzo di 1 euro. E sarà nel contempo organizzata anche “Swing & Cocktails”, con la possibilità di consumare aperitivi e cocktails appositamente creati da Laudano & Misture Cocktail Bar e ispirati ai pittori della Pinacoteca, accompagnati dalla musica dal vivo a cura di “Erika Corradi quartet”. Saranno a disposizione alcune copie della nuovissima guida della Pinacoteca da restituire a fine percorso o da acquistare a fine visita a un prezzo scontato per coloro che preferiscono la visita fai da te.

VISITE A TEMA

Domenica 26 settembre dalle ore 10.30 alle 15.30 sono in programma due visite guidate sul tema “La storia della Pinacoteca attraverso i suoi quadri”, alle ore 10.30 e 15.30, per un massimo di 10 persone. Prenotazioni all’indirizzo marcello.toffanello@beniculturali.it

MUSICA E ARTE

E dopo il primo appuntamento nello scorso aprile, prosegue il Focus di approfondimento che Ferrara Musica dedica a Josquin Desprez. Domenica 3 ottobre alle 16 il celebre musicista fiammingo sarà celebrato nel Salone della Pinacoteca Nazionale di Ferrara, a 500 anni dalla morte con un concerto dell’Ensemble Vocale Odhecaton diretto da Paolo Da Col, con in programma il Miserere, la Missa Hercules Dux Ferrariae e alcuni dei suoi maggiori Mottetti. La prenotazione per assistere a questo evento è obbligatoria.

© RIPRODUZIONE RISERVATA