Covid, lutto a Ferrara: muore un uomo di 60 anni

La pandemia però segna il passo: nessun ricovero e solo sette positivi, con 21 guarigioni

FERRARA. Un sessantenne ferrarese, senza patologie pregresse, è morto giovedì (23 settembre) all'ospedale di Cona, dove era ricoverato da tre settimane. Si tratta della 920esima vittima nel Ferrarese della pandemia, pandemia che però continua a mostrare netti segnali di rallentamento per quel che riguarda i contagi e i ricoveri. Nessuno nuovo arrivo all'ospedale di Cona, dove i pazienti del comparto Covid sono scesi a 27 (su 45 posti), di cui 6 in Terapia Intensiva (su 9 posti). Si ferma invece a sette il numero dei nuovi casi positivi, su 154 tamponi refertati, con quattro casi a Ferrara, due a Jolanda di Savoia e 1 fuori provincia, tutti casi sporadici. Le guarigioni sono il triplo: 21 le persone uscite dal Covid con tampone negativo. Sono 73 le nuove quarantene, mentre 87 le uscite dall'isolamento domiciliare o dalla sorveglianza attiva.

Oltre 500mila le dosi di vaccino somministrate (500.160), di cui 268.202 prime dosi (il 90 per cento della popolazione target) e 231.794 richiami (l'80 per cento) e 164 dosi addizionale. Giovedì sono state effettuate 2.107 somministrazioni, di cui 421 prime dosi, 1.649 seconde dosi e 37 dosi addizionali.

In Emilia Romagna sono stati riscontrati 327 nuovi positivi su 29.511 tamponi eseguiti (1,1%). Due le vittime, oltre al sessantenne ferrarese anche una donna modenese di 57 anni.