Contenuto riservato agli abbonati

Svolta storica per Vigarano, gli elettori scelgono Bergamini

Pancaldi seconda per un soffio

VIGARANO MAINARDA. Per una manciata di voti il centrodestra conquista il Comune e Davide Bergamini è il nuovo sindaco. Un testa a testa, con Lisa Pancaldi della civica ViviAmo Vigarano, che ci ha sperato fino all’ultimo. Alla fine Bergamini ha prevalso per 57 voti, conquistandone 1.683 pari al 41,58%, e Pancaldi 1.626 pari al 40,17%. Il primo seggio a chiudere è stato il numero 4 di Borgo, dove il centrodestra ha prevalso di 6 voti sulla lista civica, 182 a 176, è questo ha fatto subito capire che era una lotta a due perché la lista civica di centrosinistra, Costruiamo il futuro con Te e Agnese De Michele sindaco, è stata subito relegata al ruolo di cenerentola, senza nessuna speranza. Decisiva è stata la lista numero 7, a Vigarano Pieve, l’unica nella quale Bergamini ha vinto con un distacco consistente.

I FESTEGGIAMENTI

Il popolo di centrodestra ha fatto grande festa davanti alla sede municipale: un evento storico. Dal dopoguerra è la prima volta che alle comunali non vinceva una lista di centrosinistra. «Fin dall’inizio della campagna elettorale - ha spiegato il neo sindaco Davide Bergamini - ho intuito che la lotta sarebbe stata tra la mia lista e quella civica. Non ho mai temuto il centrosinistra». Certo è stata dura, «ma alla fine abbiamo conquistato la vittoria seppur con un margine ristretto rispetto a quanto ci aspettavamo io e la mia squadra. I vigaranesi hanno premiato il nostro progetto, concreto, realista e senza finti proclami». Dopo i festeggiamenti bisognerà mettersi al lavoro. «Inizieremo a ragionare per la composizione della giunta. Al nostro interno abbiamo persone di provata qualità e capacità».

E, ancora, «sappiamo le difficoltà in cui versa il Comune e cercheremo di fare una lista delle priorità dove intervenire. Confermo che voglio cambiare rotta, rispetto al passato, e il Comune sarà sempre aperto a tutti i cittadini e noi saremo sempre disposti ad ascoltare. Cominceremo subito anche ad avviare i contatti con tutti i Comuni dell’Alto Ferrarese, e della città, per dar vita a progetti in comune perché l’unione fa la forza».

SUL FILO DI LANA

Tra i vincitori c’è chi questa vittoria la festeggia in un modo particolare. «Da sempre - ha detto Mauro Zanella, candidato vicesindaco in pectore - sognavo questo momento ed è arrivato proprio il giorno del mio compleanno».
C’è soddisfazione anche tra le fila di chi ha perso per una manciata di voti. «Peccato - precisa Pancaldi - ma io e e il mio gruppo, siamo ugualmente felicissimi per i tanti voti ottenuti. Per noi è come una vittoria perché siamo scesi in campo, in politica, solo da qualche mese. Ringrazio tutti i vigaranesi e la mia squadra che è stata favolosa per impegno e abnegazione. La gente ha capito che siamo schietti, sinceri e animati dalla voglia di lavorare per il nostro paese. In consiglio comunale, pur con il rispetto dei ruoli, saremo disposti a collaborare per il bene della nostra comunità. Mai avrei pensato di riuscire a raccogliere 1.626 voti e arrivare a sfiorare la vittoria».

Per De Michele il misero risultato del 18% è una mazzata impressionante. Oltre il 10% in meno di quanto il centrosinistra aveva ottenuto, localmente, alle recenti elezioni regionali. «Saremo all’opposizione - precisa la candidata - sapendo che ci aspetta un compito difficile, ma in consiglio comunale saremo sempre presenti. Faccio i complimenti al nuovo sindaco. Da parte mia, e del mio gruppo, ci abbiamo messo il massimo impegno». All’opposizione ci saranno Lisa Pancaldi, Tania Gozzi e Olao Guidetti per la lista ViviAmo Vigarano e Agnese De Michele per la lista Costruiamo il Futuro con Te.

Giuliano Barbieri