Contenuto riservato agli abbonati

Cento apre i giochi, in vista della sfida contano i numeri: le prime strategie

Tra Accorsi e Toselli l’uomo della differenza è Pettazzoni. Ma il primo obiettivo per tutti è convincere la gente a votare

CENTO. In vista del ballottaggio del 17 e 18 ottobre tra Edoardo Accorsi e Fabrizio Toselli, si apre la corsa alle alleanze e agli apparentamenti. Per quelli ufficiali c’è tempo fino a domenica 10 ottobre, mentre per gli accordi c’è tempo fino a un attimo prima della chiusura delle urne, alle 15 di lunedì 18 ottobre. Quel che è certo, è che inizia la corsa al recupero di coloro che al primo turno non hanno votato. Sono tanti centesi, circa il 45% dei 28.130 aventi diritto. A fare valere il loro “peso” sui vari tavoli di trattativa, adesso potranno essere i candidati sindaco e le liste escluse dal consiglio, quindi RisorgiCento con Flavio Tuzet, escluso perché sotto la soglia del 3% dei voti validi dei sindaci, e Tiziana Balboni con la lista Noi Che..., la quale pur superando il quorum non ha quozienti sufficienti per avere un consigliere.

I GIOCHI

Ma, soprattutto, vero ago della bilancia, sarà il candidato sindaco Marco Pettazzoni che, forte del suo 18.21% potrà far pesare i suoi numeri cercando magari per una o entrambe le liste qualche apparentamento ufficiale. Da un lato, c’è Orgoglio Centese che vedrà in ogni modo due candidati certi entrare in consiglio: Elisabetta Giberti che in qualità di consigliere anziano più votato spetterà il compito di presiedere il primo consiglio comunale, e Matteo Veronesi. Dall’altro Libertà per Cento il cui referente Marco Mattarelli a oggi è fuori dall’assemblea civica. Salvo apparentamenti ufficiali, quindi, e in attesa dell’ufficialità dei voti da parte dell’ufficio centrale (che ieri ha ufficializzato il ballottaggio), a oggi è possibile ipotizzare la composizione del consiglio comunale, sia nel caso che vinca Accorsi, che nel caso vinca Toselli.

I POSSIBILI CONSIGLI

Ipotesi Accorsi sindaco. Alla coalizione di Accorsi spetterebbero i 15 seggi di maggioranza, che oltre al sindaco, saranno così composti: sette eletti in quota Pd. Sarebbero il cardiologo Mario Pedaci, il segretario comunale Pd Mattia Franceschelli, la presidente della biblioteca di Casumaro Paola Bergamini, Rosa Sandoni, Eleonora Salsini, Giacomo Longo e il presidente della consulta di Buonacompra Rossano Bozzoli. Poi sei seggi per la civica Attiva, con Silvia Bidoli, il vicepresidente della civica di Renazzo Vito Salatiello, Nicol Tatti, Laura Riviello, l’ex assessore Matteo Fortini e Matteo Resca, e due consiglieri della civica Cento SiCura, sarebbero la presidente della consulta di Cento, Vanina Picariello, e l’ingegner Angelo Bonzagni.

Lo schieramento d’opposizione sarebbe composto da nove consiglieri di cui sei in capo alla coalizione di Toselli: due alla civica Avanti Cento con Bruno Gerlando e l’assessore Beatrice Cremonini, uno alla Lega con il segretario della Lega Giovani, Alex Melloni, e due a Fratelli d’Italia con l’ex presidente della consulta di Casumaro, Francesca Caldarone, e il coordinatore comunale di FdI e consigliere Alessandro Guaraldi. Gli altri tre seggi saranno comunque destinati alla coalizione guidata da Marco Pettazzoni che siederà in consiglio, affiancato da due riconferme, Elisabetta Giberti e il presidente del consiglio Matteo Veronesi in quota Orgoglio Centese.

Alla coalizione di Toselli, in caso di vittoria, andrebbero i 15 seggi di maggioranza, che oltre al sindaco, saranno così suddivisi: sei consiglieri in quota alla lista Avanti Cento. Siederebbero in consiglio così Bruno Gerlando, l’assessore Beatrice Cremonini, il referente della comunità pakistana Amin Mohusan, l’assessore Simone Maccaferri, il presidente della Polisportiva Reno Centese Andrea Dongiovanni, e il consigliere della Partecipanza Sandro Balboni. Poi quattro consiglieri a Fratelli d’Italia: Francesca Caldarone, Alessandro Guaraldi, Roberto Tassinari e Maria Klaudia Bretta, quattro in capo alla Lega rappresentata da Alex Melloni, Adriano Orlandini, dal responsabile del Nucleo cinofilo Protezione civile Alto Ferrarese Walter Chessa e da Giuseppe Ingargiola, a cui si affiancherà il consigliere di Forza Italia, il capolista Fausto Pareschi. I nove consiglieri che entrerebbero nello schieramento d’opposizione sono sei della coalizione di Accorsi: oltre al sindaco, verrebbero eletti Mario Pedaci e Mattia Franceschelli (Pd), Vanina Picariello (Cento SiCura), Silvia Bidoli e Vito Salatiello (Attiva), a cui si affiancherebbero il candidato sindaco Marco Pettazzoni con Giberti e Veronesi (Orgoglio Centese).

Beatrice Barberini

© RIPRODUZIONE RISERVATA