Contenuto riservato agli abbonati

Stop vaccinazioni. In Pandurera si può tornare al teatro

Anche l’ammainabandiera alla cerimonia di chiusura di ieri. Dal 19 ottobre il servizio sarà nei nuovi locali in viale Jolanda

CENTO. In attesa dell’apertura del nuovo centro vaccinale in viale Jolanda, ieri si è tenuta la cerimonia di chiusura del punto vaccini alla Pandurera, che può così tornare sede di spettacoli ed eventi culturali.

La campagna di vaccinazione anti Covid a Cento era partita il 7 marzo nel centro polifunzionale. Dopo sette mesi e oltre 60mila dosi somministrate, verrà trasferita dal 19 ottobre in una nuova sede adibita appositamente allo scopo, in viale Jolanda 19 nella palazzina dell’ex autostazione degli autobus, ora ristrutturata e messa a disposizione dal Comune in comodato d’uso gratuito all’Azienda Usl.


i ringraziamenti

Per celebrare questi mesi al PanduHub, gli Alpini volontari di protezione civile di Cento – che hanno prestato servizio in via del tutto gratuita con oltre mille giornate e 6.140 ore di lavoro al centro vaccinale – hanno voluto organizzare una cerimonia di chiusura.

Si è tenuta ieri con tanto di ammainabandiera e con la partecipazione del sindaco Fabrizio Toselli, del vicesindaco Marina Malagodi e dell’assessore alla Protezione civile Sergio Bonsi, del comandante della Polizia locale dell’Alto Ferrarese Stefano Ansaloni, della responsabile di Distretto Annamaria Ferraresi col personale medico e infermieristico impiegato nelle vaccinazioni e i volontari che hanno supportato le attività sanitarie. Presente anche il candidato sindaco Edoardo Accorsi.

Prima il supporto logistico, poi l’istallazione del condizionatore di emergenza in attesa che venisse sistemato a luglio l’impianto di areazione e raffrescamento della Pandurera: quello messo in campo del gruppo Ana Protezione Civile di Cento è stata una operazione importante, seconda solo all’opera prestata nell’emergenza post terremoto. A questa attività, va aggiunta l’installazione e la manutenzione del centro drive-through per i tamponi, della tenda per il triage al pronto soccorso dell’ospedale e gli interventi svolti col ProntoSpesa. L’emergenza Covid ha richiesto un grande impegno da parte di tutto il volontariato di protezione civile degli Alpini di Cento e del mondo del volontariato, con oltre 72 persone dispiegate. Nel ringraziare i sanitari, i volontari e gli Alpini che fin dal primo giorno hanno lavorato instancabili, Toselli ricorda che «di concerto con l’Asl il punto vaccinale alla Pandurera si è dimostrata una scelta cruciale per garantire in questi mesi un servizio fondamentale per la cittadinanza». Un grazie anche dalla direttrice generale dell’Asl Monica Calamai: «Noi non ci fermiamo mai. Nessuno si è sottratto al proprio compito e, ognuno per le proprie competenze, ha contribuito alla riuscita di questo centro vaccinale. Grazie anche ai cittadini che hanno aderito in maniera così importante alla campagna vaccinale».

operativo l’ospedale

In questa fase transitoria, da oggi al 18 ottobre, sarà operativo un punto vaccinale all’ospedale di Cento, presso il punto prelievi, dove sarà possibile, se necessario, effettuare circa 90 vaccinazioni al giorno in attesa del trasloco in viale Jolanda, nei nuovi spazi recuperati dell’ex stazione. Poi dal 19 ottobre, terminate le necessarie operazioni di allestimento e collaudo, le somministrazioni avverranno nella nuova sede in viale Jolanda.

L’obiettivo è proseguire la campagna vaccinale senza rallentamenti, sia per quanto riguarda la somministrazione delle prime dosi che per l’effettuazione dei richiami e delle terze dosi.

Beatrice Barberini

© RIPRODUZIONE RISERVATA