L’Asl rinforza il tracciamento contatti, nuovo avviso per la ricerca di medici

Tra i possibili impieghi del personale anche l’attività relativa alle scuole. A Masi aule da sanificare per caso di gastroenterite  

FERRARA. Bandi, avvisi e concorsi pubblicati a raffica per la ricerca di lavoratori specializzati. La pandemia e la carenza di operatori esperti impongono alle aziende sanitarie di ricorrere alle più svariate tipologie di contratto per far fronte alle impellenti necessità di personale. L’ultimo avviso è stato emesso quattro giorni fa dall’Asl che ha avviato una «procedura d’urgenza» per il conferimento di incarichi di lavoro autonomo a medici che svolgano attività diagnostica preventiva per il Covid-19. Il personale selezionato andrà a consolidare e rafforzare i ranghi del Dipartimento di Sanità pubblica per l’attività di contact tracing (il tracciamento dei contatti col tampone molecolare che viene eseguito quotidianamente) e per rispondere con risorse adeguate «alla necessità di applicare il protocollo operativo per la gestione in ambito scolastico di casi connessi all’emergenza Covid-19».

Requisiti e compensi


L’avviso copre il periodo residuo dell’anno, fino al 31 dicembre 2021, scadenza dello stato di emergenza sanitaria (che potrebbe essere ulteriormente prorogata). L’orario settimanale non può superare le 36 ore, il compenso orario è di 40 euro. Tra i requisiti, laurea in Medicina, iscrizione all’Albo professionale, cittadinanza italiana, «documentata esperienza nel Servizio Sanitario Nazionale» e possesso del Green Pass. L’Asl spiega che il personale che entrerà in servizio (con eventuali proroghe di incarichi già in corso) andrà a coprire le necessità di tracciamento e che l’eventuale lavoro relativo alle scuole rappresenta una delle eventualità dopo il rientro nelle aule, dal 13 settembre scorso. Sono stati una decina, fino ai primi giorni di ottobre, gli istituti coinvolti dai controlli anti-Covid con quarantene disposte per diverse decine di studenti e un numero molto più limitato di insegnanti. La situazione nelle scuole, comunque, sembra al momento più favorevole che un anno fa. Anche se non mancano le situazioni in cui l’Asl è chiamata ad intervenire, in qualche caso diverse dal Covid. Ieri si è avuta notizia che in un istituto comprensivo di Masi Torello è stato registrato un caso di gastroenterite in una classe del plesso elementare. Oggi i locali che ospitano la classe saranno sanificati.

Assistenza in carcere

Ma la ricerca di operatori da parte di Asl e Sant’Anna non si esaurisce con l’avviso per il rinforzo del personale adibito al contact tracing. L’ospedale ha conferito un incarico trimestrale con contratto co.co.co. per l’assistenza in corsia in area Covid ad uno specializzando in Orl per un importo di quasi 11mila euro. E l’Asl ha pubblicato un avviso per raccogliere la disponibilità di medici in lavoro autonomo per svolgere attività assistenziale in carcere. Compenso di 70 euro orari e impegno fino ad un massimo di 155 ore mensili.

Gi.Ca.

© RIPRODUZIONE RISERVATA