Contratto caserma Il costo è salito di quasi 900mila euro

Approvata la delibera tra le polemiche dell’opposizione  Sui fatti romani presentato e poi ritirato un ordine del giorno 

Un consiglio comunale durato 4 ore durante il quale non sono mancate le divergenze marcate tra maggioranze e opposizione sia in sede di question time che di delibere presentate e illustrate. Si è iniziato con la mobilità dove la consigliera Fusari di Azione civica ha chiesto contro al vicesindaco Lodi in merito alla segnaletica. Il consigliere Francesco Colaiacovo (Pd) ha interrogato Fornasini sui requisiti di manifestazione di interesse per allestimento luminarie natalizie, con il rischio di tagliare fuori le aziende ferraresi, per aver imposto dei vincoli. Il vicesindaco Lodi ha poi presentato la delibera sul contratto d’appalto per la ristrutturazione della Palazzina Centro Direzionale via Beethoven per la nuova sede della Polizia Locale. Qui la minoranza con intervento soprattutto di Fusari, ha fatto notare come questi ritardi hanno portato ad un aumento dei costi a carico della collettività di 875 mila euro. Solaroli e Zocca per la maggioranza hanno invece sottolineato l’importanza dell’opera.

La delibera è stata approvata con 19 voti a favore (gruppi Lega, Ferrara Cambia, FdI. Forza Italia) e 11 voti contrari (gruppi PD, Azione Civica, Gente a Modo, M5S). Sull’adeguamento del sistema fognario depurativo di Corlo e Malborghetto di Correggio tutti a favore e nessuna polemica. Unanimità anche per la delibera relativa al bilancio per iscrizione del trasferimento da parte di Destinazione turistica Romagna di contributi per iniziative di animazione ed intrattenimento turistico e promozione turistica di interesse locale e per l’acquisto di libri per le biblioteche comunali e per la gestione del Castello.


Approvata la mozione a sostegno dell’istituzione di una giornata dedicata alla vita nascente (presentati e approvati un emendamento GaM, una mozione gruppo PD). La mozione di maggioranza è stata illustrata all’assemblea dal consigliere Guerzoni, l’emendamento dal consigliere Maresca GaM, la risoluzione alla mozione del gruppo PD dal consigliere Colaiacovo.

È stato poi presentato un ordine del giorno sugli scontri avvenuti a Roma il 9 ottobre dalla consigliera di opposizione Chiappini, nella quale si condanna la violenza fascista. A sua volta la maggioranza ha presentato una risoluzione con il consiglieri Minichiello. A quel punto Colaiacovo ritirava l’ordine del giorno ritirando che la risoluzione facesse perde il suo significato, sminuendolo. Alcide Mosso ha poi presentato una mozione per la richiesta di intitolazione di un luogo pubblico del Comune di Ferrara alla memoria di Isidoro Fontana, carabiniere ucciso nel gennaio 1946 nello svolgimento delle sue funzioni. Il documento è stato approvato dall’assemblea (16 voti favorevoli e 4 astensioni).

© RIPRODUZIONE RISERVATA