Fondi della Regione alle società sportive

Dopo lo stop forzato a causa del Covid, dalla Regione arriva il sostegno da 4,5 milioni alle associazioni e società sportive dilettantistiche della regione in difficoltà con il nuovo bando approvato dalla Giunta. E per ottenere il contributo, occorre aver subito alla fine del 2020 un calo dei tesserati superiore al 20% rispetto all’anno precedente. Ristori una tantum di 4.000 euro, 2.000 se l’associazione o la società ha già beneficiato di precedenti contributi regionali legati alla pandemia. E le domande si possono presentare online dal 3 al 15 novembre.

Così le società sportive con impianti sportivi chiusi, campionati, tornei, corsi, competizioni annullate, ossia il sistema sportivo regionale dilettantistico, potranno avere sostegno concreto per i 4,5 milioni di euro, di cui 4 destinati alle associazioni sportive dilettantistiche e altri 488 mila alle società sportive dilettantistiche. Per partecipare al bando, associazioni e società dovranno possedere alcuni requisiti, tra cui avere sede legale e operare in Emilia-Romagna, essere iscritte al registro nazionale del Coni o al Cip (Comitato Italiano Paraolimpico), essere in situazione di regolarità contributiva; ulteriore condizione, quella di aver subito, alla fine del 2020, un calo dei tesserati maggiore del 20% rispetto all’anno precedente.


«Stiamo proseguendo il percorso verso il ritorno alla normalità, non possiamo dimenticarci dei gravi danni economici che l’emergenza sanitaria ha causato - commenta il presidente della Regione, Stefano Bonaccini-. Tante associazioni e società dilettantistiche sono in condizioni critiche sia da un punto di vista organizzativo che economico, a causa della prolungata sospensione delle attività. In molti casi la loro stessa sopravvivenza è a rischio».

© RIPRODUZIONE RISERVATA