Contenuto riservato agli abbonati

Nuova sede alla Torre dell’Orologio Palio, pronta la delibera del Comune

Fissate le regole per la gestione della struttura che verrà data senza oneri di affitto con una concessione di 15 anni

Gian Pietro Zerbini

Gli sforzi che in questi lunghi mesi hanno contraddistinto il lavoro di trasloco della sede dell’Ente Palio stanno per giungere a definitiva destinazione. Un parto molto difficile e lungo, durato molto di più dei canonici 9 mesi. Dopo un lungo tempo d’attesa, con la burocrazia che non ha certo agevolato il nuovo ingresso del Palio nella nuova sede di corso Porta Reno 11, è stato deliberato dalla giunta l’atto di concessione di due piani dell’immobile comunale all’Ente palio.


Il vicesindaco Nicola Lodi, che ha la delega al Palio, ha detto che l’inaugurazione verrà fatta entro l’anno, ma vista la nuova delibera la speranza della gente del palio di Ferrara è quella di entrare ufficialmente nei nuovi spazi della storica Torre dell’Orologio già dal prossimo mese di novembre.

Convenzione

L’edificio in questi anni è stato completamente ristrutturato, e sono a carico dell’associazione Ente Palio, nella nuova proposta contrattuale, gli interventi di manutenzione e gli altri interventi necessari a mantenere la funzionalità dell’immobile. La durata della concessione è stata fissata in 15 anni, al fine di allineare le date di scadenza di tutti gli immobili dati in concessione alle contrade il cui contratto scade nel 2035.

Il Comune di Ferrara ha posto anche alcune clausole, come quella che si riserva il diritto di accesso ai locali, al fine di consentire il passaggio ai tecnici incaricati ed abilitati nel caso di guasti dell’orologio situato alla sommità della Torre, come preventivamente concordato, di cui il Comune provvederà a dare tempestiva comunicazione al concessionario.

Il Comune di Ferrara si riserva anche la possibilità di consentire al personale impiegato nei locali ad uso istituzionale in Via Podestà, di usufruire della via di fuga prevista nei locali del piano primo della “Torre dell’Orologio” in qualsiasi momento nel caso di necessità. Con la concessione della porzione dell’immobile deriva un mancato introito annuo per il Comune di 12.180 euro, in quanto, secondo uno specifico articolo del Regolamento per la concessione in uso dei beni immobili di proprietà del Comune di Ferrara, è stata applicata la riduzione del 100%. Nella contratto di concessione ci sono poi alcuni obblighi a cui l’Ente Palio deve sottostare a cominciare dall’osservanza della politica integrata: “qualità-ambiente-eventi sostenibili” del Comune di Ferrara.

Le attrezzature e l’arredo dei locali sono ad esclusivo carico dell’Ente Palio. La sede oltre agli uffici di rappresentanza ospiterà anche un’esposizione che richiama l’epopea estense.

© RIPRODUZIONE RISERVATA+