Tra legalità e diritti «Anche la sessualità per tutti i disabili»

Da venerdì via ai dibattiti al Factory Grisù E Carlos Dana lancia l’appello sul tabù 

incontri

“Pensate che nella vita siano importanti l’effettività e la sessualità? Poichè conosco già le vostre risposte affermative, vi chiedo ancora se non possano esserlo anche per i disabili. Invece ci sono due tabù: la disabilità e la sessualità, mentre ritengo che la parola chiave sia Priorità, compresa all’estero ma non ancora in Italia».


Carlos Dana, garante per la disabilità, ha presentato così l’incontro su “ Disabilità e sessualità: la strada accidentata per il riconoscimento di un diritto” fissato per venerdì prossimo al Factory Grisù, nell’ambito della 12° edizione di Legalità, Responsabilità e Diritti. Incontro che sarà preceduto dal dibattito su “I giovani sui social tra responsabilità e legalità. Istruzioni per l’uso” con l’intervento del comico Gianni Fantoni e poi i saluti del Comune (vicesindaco Lodi, assessori Coletti, Travagli) cui seguiranno Massimiliano Ulivieri, responsabile del Progetto Lovegiver.it (Formazione Oeas), l’avvocato Federico Donelli , la psicoterapeuta Paola Perini e appunto Carlos Dana. Mentre Caterina Loreto, operatrice all’emotività all’affettività ed alla sessualità, porterà la sua testimonianza. Sempre venerdì prossimo, ancora a Factory Grisù, il film “Because of my body” del regista Francesco Cannavà che sarà presente; si tratta di un progetto realizzato in crowdfunding, grazie all’associazione LoveGiver. Seguirà il dibattito con il regista. Si approfondirà inoltre l’esperienza dell’Oeas ( operatore all’assistenza all’emotività e affettività e sessualità) figura professionale che supporta le persone disabili verso questi sentimenti, non ancora riconosciuta.

Sabato poi alle 9 nella Sala del Consiglio comunale le premiazioni dei cittadini “ responsabili” ; quindi si entrerà nel vivo dell’argomento col seminario rivolto a giornalisti e cittadini “ Illegalità d’esportazione: le dinamiche della micro e macro criminalità organizzata straniera nelle cronache giornalistiche alla luce di ricerche scientifiche ed evidenze investigative”; per questo sarà presente il questore Cesare Capocasa che riferirà sulla mafia nigeriana. Alle 15 presso la biblioteca per ragazzi Casa Niccolini in via Romiti 13 (traversa di via Scienze ) “Disarmiamo le mafie. Il nostro viaggio. Presentazione del calendario della legalità”, tappa finale del percorso omonimo e della mostra con libri, fumetti, grafic e novel e film sui temi affrontati. Infine, domenica sotto il grattacielo, quadrangolare di calcetto “LeGADlità”.

Margherita Goberti

© RIPRODUZIONE RISERVATA