Contenuto riservato agli abbonati

Dal Comune ecco tre misure per aiutare chi è in difficoltà

La giunta punta su rinnovo buoni alimentari e fondi per pagare utenze e affitti. Baldini: «È un intervento senza precedenti per una realtà come la nostra»

ARGENTA. Non è solamente una questione di pandemia. Il sostegno contro la povertà (e i numeri terribili del nostro Paese nell’ultimo periodo stanno a dimostrare quanto adesso sia questa la principale emergenza) o l’hai nel Dna o non l’hai. E allora tanto di cappello al Comune di Argenta, che mette in campo nell’arco del breve e lungo periodo ben tre azioni per aiutare le (purtroppo) numerose famiglie a superare le difficoltà legate alla crisi economica. Perché una comunità con tanti poveri non potrà mai definirsi civile, figuriamoci evoluta.

Le misure


Dunque, è stato approvato dalla giunta argentana un pacchetto di azioni per sostenere le famiglie che sono più in difficoltà, con le risorse che il Comune ha ottenuto dal governo per fronteggiare l’emergenza Covid.

Si allarga in questo modo il pacchetto delle risorse che l’amministrazione comunale ha deciso di dedicare al sostegno dei cittadini più fragili. Come detto sono tre gli strumenti predisposti: il rinnovo dei buoni alimentari, un fondo per il sostegno al pagamento delle utenze domestiche e l’istituzione di un fondo per il sostegno alle morosità sugli affitti. A questi va poi aggiunto un “bonus” legato a un accordo con Acer.

È il primo cittadino argentano Andrea Baldini a spiegarci le finalità di queste misure: «Stiamo utilizzando le risorse - commenta - che lo Stato ci ha messo a disposizione per dare risposta ai bisogni della nostra popolazione. Lo scopo è di dare uno strumento per poter ripartire a chi è entrato in difficoltà con la crisi causata dal Covid 19. La dimensione dell’intervento per una realtà come Argenta non ha precedenti e siamo fiduciosi di poter raggiungere davvero (tutte) le persone in difficoltà».

I destinatari

Nell’ultimo biennio, dunque 2020 e 2021, una somma complessiva di circa 240mila euro è stata destinata a sostenere chi, a causa appunto della pandemia, ha dovuto confrontarsi con una diminuzione del reddito familiare. Questo mediante l’erogazione di buoni alimentari. In tutto si tratta di 540 famiglie nel 2020 e 200 nel corso quest’anno, le quali hanno quindi potuto usufruire di questo aiuto, diretto all’acquisto specifico di generi di prima necessità.

Nei tre bandi presentati l’accesso a questo strumento è calato progressivamente, e sempre meno richieste sono state inoltrate al Comune, tanto che le risorse destinate al bando aperto all’inizio dell’anno non sono andate esaurite. Un buon segnale, insomma, che ha orientato la scelta dell’amministrazione argentana di procedere con l’assegnazione diretta di tali fondi. E ci sarà tempo a questo punto fino a venerdì 12 novembre 2021 per presentare domanda di bonus alimentare e - successivamente - si procederà alla distribuzione delle risorse residue ai beneficiari dell’annualità 2021.

Fondi per gli affitti

Altri 90mila euro, circa, sono invece destinati al tema “casa in affitto”. Verrà in tal senso aperto un bando per destinare alle famiglie fragili fondi per il pagamento dell’affitto. I requisiti per l’ottenimento del contributo sono legati al valore Isee, ossia l’attuale metodo per la misurazione del reddito.

Due sono le fasce di merito, chi è nella seconda fascia, di un valore normalmente più alto, deve dimostrare (con un’apposita autocertificazione) di avere avuto anche un calo del reddito dall’anno 2019, da attribuirsi all’emergenza sanitaria in corso.

Un’altra parte di questi fondi, invece, verrà destinata all’incremento del fondo annuale per il pagamento delle utenze domestiche, che seguono i criteri già predisposti da apposito regolamento comunale.

Altre realtà abitative

A questo importante programma di sostegno economico, si aggiunge inoltre la programmazione pluriennale che è stata effettuata dal Comune in stretto contatto con Acer, per poter procedere con la manutenzione straordinaria del patrimonio comunale degli alloggi popolari e poterli immettere così a disposizione delle persone che hanno presentato richiesta. «Un impegno straordinario - dicono ancora dall’amministrazione comunale argentana -, il quale ha permesso di fare dei passi avanti nella programmazione degli interventi necessari ad aumentare il patrimonio residenziale pubblico». Tutto questo con il risultato di poter aumentare la proposta di realtà abitative nell’intero territorio comunale per le famiglie in graduatoria.

D.B.

© RIPRODUZIONE RISERVATA