Contenuto riservato agli abbonati

Bagni disabili chiusi all’hub della fiera, protesta e denuncia

L’ex consigliere comunale Vezzani solleva il caso rivolgendosi anche ai carabinieri

FERRARA. Ha trovato il bagno per disabili chiuso a chiave ed è stato costretto a utilizzare quello comune, con l’aiuto del fratello e con non poche difficoltà. È successo mercoledì mattina all’Hub della Fiera dove Paolo Vezzani, ex consigliere comunale e attivista per i diritti delle persone con disabilità, era andato per fare il vaccino.

Una brutta esperienza che è diventata una denuncia ai carabinieri, a cui Vezzani si è rivolto il giorno stesso per segnalare l’accaduto. Ottenendo peraltro un immediato risultato da parte dell’Ente fiera, che si è subito attivata con un proprio incaricato per risolvere il problema.


Vezzani dunque mercoledì mattina, accompagnato dal fratello, sta aspettando il suo turno all’Hub della Fiera per ricevere il vaccino. A causa di problemi di salute, da alcuni anni è costretto su una sedia a rotelle. Durante l’attesa avverte la necessità di andare in bagno, e ne individua uno per disabili «tra i padiglioni 25 e 26», trovando però la porta chiusa a chiave. Credendo che sia occupato, attende qualche minuto, per poi rendersi conto che è il bagno è chiuso. Chiede aiuto all’addetta alle pulizie, ma la donna gli risponde di non avere le chiavi «perché l’Ente Fiera ha deciso di chiudere tutti i bagni per disabili (probabilmente per impedire usi impropri, ndr) e che occorre chiedere le chiavi allo stesso Ente». Ma non sa dirgli il numero a chi rivolgersi e gli consiglia di cercarlo su internet. A quel punto però, la priorità è accedere al bagno, e così l’unica soluzione è quella di adeguarsi a quello comune, con l’aiuto del fratello «che mi ha sollevato» per condurlo agli orinatoi.

Un episodio, conclude Vezzani nella sua denuncia, «oltremodo stigmatizzabile». Una protesta che i carabinieri hanno fatto presente all’Ente Fiera «che ha fatto intervenire in questi uffici –si legge – un responsabile addetto alle varie strutture, che provvederà adesso a verificare quali siano i servizi disponibili per portatori di handicap» e trovare il giorno stesso la soluzione al problema.

© RIPRODUZIONE RISERVATA