Contenuto riservato agli abbonati

Portomaggiore. Discarica abusiva, imprenditore denunciato

Il titolare di un’autofficina abbandona a cielo aperto resti di vetture, pneumatici e rifiuti pericolosi. L’area è stata sequestrata 

PORTOMAGGIORE. Prima una denuncia da parte dei carabinieri forestali per abbandono di rifiuti, alcuni dei quali classificati come pericolosi. A cui si è aggiunto un sequestro dell’area di proprietà demaniale in cui quei materiali sono stati abbandonati. E ora l’obbligo, tramite ordinanza dell’Unione Valli e Delizie, a rimettere tutto in ordine e a smaltire correttamente, previa il via libera della polizia giudiziaria.

È quanto si è visto cadere sulla testa il gestore di un’autofficina di Portomaggiore che a cielo aperto, già qualche settimana fa, aveva lasciato rifiuti in serie: pneumatici, parti di autovetture, contenitori di olio motore vuoti e pieni, filtri aria per auto. Ma anche segatura e stracci intrisi di sostanze oleose, cinghie di distribuzione, cartoni, documenti cartacei, un contenitore anticrittogamico pieno e una pedana di legno. Anziché consegnarli una a ditta regolarmente autorizzata per lo smaltimento in discarica, aveva pensato bene di disfarsene in un’area pubblica.


Al titolare dell’attività commerciale sono riusciti a risalire i carabinieri forestali della stazione di Portomaggiore, i quali hanno accertato a carico dell’imprenditore una denuncia per il reato dettagliato dall’articolo 256 del Codice dell’ambiente, che prevede per chi abbandoni o depositi in modo incontrollato rifiuti pericolosi la pena dell’arresto da sei mesi a due anni e l’ammenda da 2.600 a 26mila euro.

Il procedimento penale è in corso, intanto il gestore dell’autofficina è chiamato a provvedere con la massima urgenza alle operazioni di rimozione, all’avvio a recupero o allo smaltimento dei rifiuti e al ripristino dello stato dei luoghi, come si legge nell’ordinanza dell’Unione. In caso di inottemperanza, arriverà un’altra denuncia all’autorità giudiziaria.

Fabio Terminali

© RIPRODUZIONE RISERVATA