Contenuto riservato agli abbonati

Terza dose: chi, come e quando farla

Dopo gli over 60 l'Asl invierà più messaggi. Indicazioni pe ri fragili. Attesa per quasi 10mila vaccinati con J&J

FERRARA. Terza dose antiCovid, istruzioni per l’uso. Ecco come fare per prenotare la dose addizionale: innanzitutto non occorrerà attendere l’invio dell’Sms. L’Asl ha inviato la scorsa settimana i messaggi ai nati nel 1961 e anni precedenti (gli over 60) che avevano completato il ciclo vaccinale primario (prima e seconda dose Pfizer, Moderna e Astrazeneca e monodose J&J), invitandoli a effettuare la dose booster se trascorsi sei mesi dal richiamo. Queste persone possono prenotare attraverso i cup aziendali, il call center (800532000), Fse, cupweb e App Ersalute. Dopo questi, non è previsto l’invio di altri sms.
I soggetti immunodepressi a cui è destinata la dose addizionale, sono stati invece convocati con chiamata diretta dall’Asl e possono accedere alla vaccinazione trascorsi 28 giorni dal richiamo. Chi non è stato avvisato telefonicamente o per motivi di salute non ha potuto prenotare può andare direttamente a vaccinarsi nei luoghi e nei tempi a loro più idonei.
Anche per personale sanitario e per i soggetti a elevata fragilità è prevista la dose booster a sei mesi dal richiamo. Il personale sanitario può prenotare anche con il portale aziendale sul sito dell’Asl; le persone con elevata fragilità che hanno avuto accesso alla prima vaccinazione in questa stessa categoria (l’elenco completo delle patologie “Categoria 1”, e relative esenzioni, è consultabile sul sito dell’Asl) possono prenotare attraverso i Cup aziendali o il call center. Al momento della vaccinazione devono portare con sé la documentazione sanitaria comprovante il loro stato di salute, per poter agevolare il medico vaccinatore. Per tutti, in ogni caso, è anche possibile l’accesso diretto negli Hub vaccinali di Ferrara Fiera, Argenta, Comacchio, Codigoro e Cento.

Si attendono infine indicazioni per tutti gli altri vaccinati con monodose di Johnson & Johnson, che nel Ferrarese sono 9.748. Proprio oggi è prevista la riunione di Aifa in proposito, dalla quale potranno essere individuate le linee guida per le aziende sanitarie.
A.M.
<SC1038,169> RIPRODUZIONE RISERVATA