Delta del Po, 18 video raccontano i luoghi Continua l’investimento in ottica turistica

Non solo la promozione in sinergia con le altre riserve Mab Unesco: i filmati mostrano le aree deltizie della provincia 

la curiosità

È una delle tre riserve Mab Unesco attive in Emilia Romagna, presentata di recente a Ecomondo a Rimini, la riserva di Biosfera del Delta del Po. Che, insieme a quella dell’appennino Tosco Emiliano e quella del Po Grande, hanno dimostrato di essere strumenti di sviluppo sostenibile e di conservazione delle risorse. Ancora di più se in grado di creare utili sinergie, come ci si è ripromessi di fare a Ecomondo.


Intanto, il Delta del Po continua a investire nella promozione turistica grazie ai 18 video realizzati nell’ambito del progetto di Destinazione turistica Delta del po, finanziato attraverso il Programma di sviluppo rurale Regione Emilia-Romagna 2014-2020. I video sono visibili sul portale www.deltadelpo.eu e sul canale Youtube “Delta del Po”.

Dalla costa all’entroterra, dalle acque del Grande fiume a quelle del Mar Adriatico, per un viaggio nel cuore di un territorio unico al mondo che dal 2015, appunto, può fregiarsi del titolo di Riserva di Biosfera Mab Unesco.

IL PERCORSO

I video, della durata di poco più di tre minuti ciascuno, raccontano per immagini le bellezze artistiche, paesaggistiche e naturalistiche della zona, conducendo l’utente in un suggestivo percorso attraverso la bellezza dei luoghi narrati. Nessuna voce di accompagnamento, solo una base musicale come sottofondo, al fine di esaltare ancor di più le peculiarità che contraddistinguono ognuno dei comuni presentati.

Da Alfonsine (Ra), città natale del poeta Vincenzo Monti e luogo di riprese cinematografiche ad Argenta, isola di biodiversità e porta di accesso alle zone umide; da Bagnacavallo, incantevole borgo di impronta medioevale, a Cervia, città del sale e del mare; da Comacchio, con la sua rete di ponti e canali, a Ravenna, patria indiscussa del mosaico e culla del Sommo Poeta Dante. Il tutto passando attraverso le risaie di Jolanda, i luoghi bassaniani di Codigoro, le bonifiche di Conselice e Lagosanto, l’archeologia di Russi, le campagne di Fiscaglia, il Gran Bosco della Mesola, gli allevamenti di mitili a Goro, i paesaggi del Grande Fiume a Riva del Po, la Delizia del Verginese a Portomaggiore, le Vallette di Ostellato.

le quattro stagioni

E per concludere al meglio IL viaggio, l’ultimo video racconta le quattro stagioni del Parco del Delta, ciascuna delle quali è in grado di offrire scenari diversi ed originalissimi: l’autunno dai colori caldi e ramati e i suoi paesaggi dalle mille sfumature; l’inverno con la sua romantica foschia che rende tutto più misterioso e magico; la primavera, che segna il risveglio della natura con le sue meravigliose fioriture e, infine, l’estate con le affascinanti albe e gli incantevoli tramonti da gustarsi in riva al mare. 18 video che offrono, dunque, un originalissimo quanto veritiero spaccato di quello che il Delta del Po è in grado di offrire al visitatore, presentandogli un biglietto da visita non rifiutabile.

© RIPRODUZIONE RISERVATA