Ferrara, caos in via Bologna, semaforo impazzito poi gasolio in strada

Doppio verde al senso alternato, anche il bus fa marcia indietro. Più tardi altri guai per la perdita di carburante sulla linea 11. Lavori, il Pd chiede risarcimenti

Ferrara, semaforo impazzito: traffico in tilt in via Bologna

FERRARA. Non bastavano le code e i rallentamenti causati dal cantiere Hera, ieri pomeriggio il cuore di via Bologna è stato paralizzato a più riprese da un doppio intoppo. Si è cominciato verso le 14 quando la viabilità collegata al cantiere della geotermia è impazzita a causa dell’errata taratura dei semafori che governano il senso unico alternato a cavallo della ferrovia. Risultato: verde contemporaneo in entrambi i sensi di marcia, con conseguente blocco del traffico e formazione di una doppia coda. L’impasse è andato avanti per decine di minuti, con l’autobus costretto a fare marcia indietro per far passare le auto, guidato da volonterosi passanti, e qualche automobilista a immortalare in video la scena. Poi la situazione del semaforo si è normalizzata, come ha constatato la pattuglia della Polizia locale arrivata sul posto.

Ferrara, bus perde gasolio: traffico in tilt in via Bologna



Gli agenti sono tornati in zona qualche ora più tardi, perché un bus Tper aveva disperso gasolio in un tratto di strada piuttosto lungo, dalla rotatoria dell’Ipercoop fino all’incrocio con via Foro Boario, prima appunto che l’autista si accorgesse di quanto stava succedendo. È stato necessario ripulire la carreggiata in direzione città, a tratti per evitare la chiusura del traffico, impensabile di venerdì pomeriggio, con l’aiuto anche dei Vigili del fuoco. Code e intasamenti per l’intero quadrante sono andati avanti fino a sera.
Nel frattempo il Pd ha presentato un’interrogazione al sindaco per chiedere «di fornire un indennizzo alle imprese che hanno subito gravi limitazioni dell’attività con contrazione del fatturato» a causa appunto del cantiere Hera che sta andando avanti da settimane. I consiglieri Caterina Ferri e Francesco Colaiacovo chiedono poi di «conoscere quali siano gli sgravi che Hera intende mettere in campo, e quali sono le modalità di attivazione».

© RIPRODUZIONE RISERVATA