Contenuto riservato agli abbonati

LyondellBasell crede nei giovani, sono entrati in 119 il 40% già assunto

Il colosso della plastica sta inserendo turnisti, laboratoristi, chimici e ingegneri 

FERRARA.  Il sito di Ferrara di LyondellBasell continua a investire sui giovani. Da febbraio 2020 ad oggi 119 di loro hanno iniziato il loro percorso professionale, e di questi il 40% è stato assunto a tempo indeterminato. Un gruppo di assunti molto variegato per formazione e professionalità: dai turnisti ai tecnici di laboratori, dai dottori in chimica agli ingegneri. «Nell’ottobre scorso si è conclusa con successo la seconda edizione dell’Operator academy ed è partita la terza edizione - riferisce Monica Bellagamba, Hr area manufacturing del sito di Ferrara - Nel corso di quest’anno sono stati coinvolti 26 giovani provenienti da varie regioni d’Italia (Emilia Romagna, Puglia e Sicilia) e siamo molto soddisfatti dell’interesse dimostrato finora per questo percorso professionale. Il 30% dei giovani della prima edizione è già stato assunto a tempo indeterminato all’interno delle nostre strutture produttive».

I giovani diplomati sono stati selezionati sia grazie ai progetti in essere con gli istituti tecnici del territorio (ex-Scuola alternanza lavoro), sia ai progetti interni, come per esempio l’Operator academy, l’accademia di formazione di LyondellBasell dedicata ai diplomati con studi di perito chimico, meccanico e/o elettronico che intendono intraprendere la carriera tecnica in azienda, che dura 12 mesi.


Oltre ai tecnici e ai giovani dell’accademia, nell’area delle attività produttive sono stati assunti altri 23 professionisti, tra operatori turnisti di impianto di produzione polimeri e catalizzatori e ingegneri (chimici, elettrici, sicurezza processo). La società ha assunto anche 25 nuove figure a tempo indeterminato a supporto del Centro Ricerche Giulio Natta, dagli operatori agli ingegneri oltre ai ricercatori.

«Queste nuove assunzioni sono una chiara prova che la ricerca e l’innovazione sono elementi essenziali per un’azienda che guarda al futuro - aggiunge Gabriella Bazzana, Hr Ricerca e Sviluppo di Ferrara - Non è un caso che alcune assunzioni siano state effettuate per impiegare i giovani a lavorare sul nuovo impianto pilota MoReTec, la nuova tecnologia di riciclo molecolare di LyondellBasell. Questa tecnologia trasforma i rifiuti di plastica in materia prima necessaria per produrre della nuova plastica senza utilizzare, così, la materia prima derivante fossile, nel rispetto della vera economia circolare».

© RIPRODUZIONE RISERVATA