Contenuto riservato agli abbonati

Ferrara, scarseggiano i viveri alle mense dei poveri. Viale K e Caritas cercano anche volontari

Giornata mondiale della povertà, la fotografia di chi si rivolge alle strutture e chi ci lavora: il più vecchio ha 92 anni  

FERRARA. L’emergenza Covid 19 non influisce sulle mense della Caritas in centro storico e di Viale K alla Rivana e quindi in periferia.

«I nostri ospiti – concordano infatti i volontari di entrambe le strutture - sono come numero quasi sempre gli stessi: una settantina al giorno alla Rivana, aperta 365 giorni l’anno per pranzo e cena e forse un po’ di più rispetto a qualche settimana fa alla Caritas – riferisce Emily - quindi fra i 50 ed i 60, in quanto siamo riusciti finalmente a tenere aperto anche alla domenica ma solo per la colazione ed il pranzo».


VIALE K

Diverse invece le esigenze e quindi le problematiche: l’associazione Viale K infatti lamenta un calo notevole dei viveri in particolare della carne che ogni tanto sono costretti ad acquistare mentre alla Caritas sono i volontari che mancano. «Se non avessimo il Banco Alimentare – dichiara Romolo, il cuoco che cucina da 15 anni a Viale K – avremmo decisamente delle difficoltà. Chi ci donava molto cibo era l’Ipercoop, compresa la carne che adesso non ci manda più mentre ancora, ma in modo scarso, ci arriva la verdura e la frutta, non sempre in buone condizioni».

RIVANA

Nella bella mensa della zona Rivana si adoperano ogni giorno una decina di volontari; Nicola e Sergio che ha 71 anni ed è il più anziano fra i volontari, sono gli autisti che vanno a ritirare quello che viene donato, poi c’è Giorgio che controlla i tavoli insieme a Flora addetta alla distribuzione, quindi Chicco, Rino e Federico, questi ultimi due tirocinanti che usufruiscono di una Borsa lavoro ed Alessandra per la distribuzione dei pacchi, che si tiene il sabato mattina e sono quasi sempre 65 – 70 le confezioni di generi alimentari per i più bisognosi. Mentre la consegna dei vestiti per il momento invece è stata sospesa a causa del Covid.

«Italiani e stranieri sono circa alla pari; nessun afghano poiché sono ospitati in altre parti dove mangiano; meno invece sono le donne – conclude Romolo –. A tutti suggeriamo dopo aver preso loro la temperatura, di igienizzare le mani, ma sappiamo che sono tutti vaccinati: se non lo fossero non avrebbero diritto al posto letto che Viale K mette a disposizione finché ne ha disponibilità».

MENSA CARITAS

Se alla Rivana manca il cibo e specialmente la carne, in via Brasavola sono i volontari che scarseggiano insieme anche qui alla carne e questo da quando alcuni anni fa è stata decisa la Legge Renzi contro lo spreco alimentare per cui i supermercati la vendono fino all’ultimo giorno della scadenza, e poi è difficilmente recuperabile quella disponibile.

«E pensare che possiamo contare su un centinaio di volontari che si occupano di tutto quanto concerne l’organizzazione della mensa – informa Emily - : però, per non impegnarli troppo e spesso, perché la disponibilità è quella, abbiamo deciso che facciano a turno il servizio un solo giorno alla settimana così ce ne vorrebbero di più. Ma c’è anche chi come il cuoco viene fin da quando è stata aperta la Caritas; oggi ha 92 anni ed è presente ogni giovedì; il più giovane ha 20 anni e speriamo che continui».

RAPPORTI CON L'UTENZA

I rapporti con l’utenza sono buoni; le donne sono più numerose la domenica forse perché non lavorano, qualche volta invece i senza tetto, che sono una trentina, arrivano un po’ alterati ma poi tutto torna ad essere sotto controllo. Anche qui si distribuiscono i pacchi viveri martedì pomeriggio oppure il mercoledì, giovedì e venerdì al mattino; i vestiti invece il lunedì e venerdì dalle 9 alle 11, sempre dopo aver mostrato la Tessera Caritas che non ha il nome dell’interessato ma un codice a barre corrispondente alle sue generalità.

Accanto alla Mensa della Caritas c’è infine Casa Betania che ospita solo donne e bambini richiedenti asilo; attualmente sono una ottantina su un centinaio di posti letto.

Margherita Goberti

© RIPRODUZIONE RISERVATA