Progetto per giovani per l’ingresso nel mondo del lavoro

Una selezione rivolta a sedici ragazzi del territorio promossa dal Comune  e dal centro di formazione professionale Città del Ragazzo

Fornire gli strumenti per una ricerca attiva di lavoro. A questo punta la nuova edizione del progetto “Un futuro possibile”, rivolto a sedici giovani del territorio che non lavorano e non studiano, i cosiddetti “neet”, e promosso dal Comune di Ferrara assieme al Centro di formazione professionale Città del Ragazzo, sulla base di un protocollo di collaborazione approvato oggi dalla Giunta municipale.

Giunto al suo nono anno di attivazione, il progetto si aprirà con una selezione pubblica (con bando in uscita a inizio 2022 sui siti www.comune.fe.it e www.informargiovani.fe.it), cui seguirà, per i ragazzi selezionati, la partecipazione a due laboratori per l’orientamento e l’attivazione alla ricerca del lavoro, con incontri formativi a cura dell’Informagiovani del Comune di Ferrara.


I giovani che porteranno a termine il percorso orientativo potranno poi partecipare a esperienze di formazione in aziende, enti e associazioni, della durata di 2 mesi. Ai partecipanti sarà corrisposto un compenso totale di 900 euro.

Potranno partecipare alla selezione i giovani tra i 20 e i 27 anni di età, che siano residenti nei territori dei Comuni di Ferrara, Voghiera, Masi Torello, Copparo, Tresignana e Riva del Po; che siano disoccupati, abbiano assolto l’obbligo scolastico e non siano al momento iscritti ad alcun percorso scolastico o formativo.

Le attività saranno finanziate con una parte del contributo regionale finalizzato ai progetti a favore di adolescenti e giovani, del Piano per il Benessere sociale e sanitario del Distretto Centro Nord con capofila Ferrara, per una quota di 22mila euro. La somma sarà trasferita alla Città del Ragazzo per la gestione amministrativa e organizzativa del progetto e la copertura di tutti i costi previsti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA