L’opposizione: «Incontro aperto per discutere del nostro paese»

La lista Voltiamo pagina  si rivolge al sindaco Pezzolato per risposte sulle promesse «non mantenute con ricaduta sui cittadini, specie i più deboli»

JOLANDA DI SAVOIA. Ciclicamente a Jolanda è tensione fra maggioranza e opposizione. Tanti i temi sul piatto, non solo quelli arcinoti di natura economica. «Il sindaco Pezzolato si è dimenticato di avvisare i cittadini di Jolanda che non è stato presente, come avrebbe dovuto, alla Conferenza socio sanitaria dov’erano in discussione i bilanci dell’Asl e del Sant’Anna - dicono dalla lista Voltiamo pagina -. Come mai non era presente? Da parecchi mesi non è in giunta, non si vede in Comune, è mancato anche all’ultimo consiglio comunale. La sua assenza appare, a noi di Voltiamo pagina come a molti cittadini, tanto immotivata quanto incomprensibile. Sono svanite le promesse fatte ai cittadini: poco più di un anno fa l’amministrazione entusiasta annunciava sui quotidiani “ci saranno assunzioni nel giro di qualche mese di quattro persone a tempo indeterminato: polizia locale, ragioneria, ufficio tecnico e segreteria”. Nulla di fatto: tre dipendenti e tutti gli altri come sempre in prestito, per poche ore alla settimana, vigile incluso».

SOCIALE E SCUOLE


«Il medical center? Mai avviato. I prelievi del sangue? Nulla di fatto da più di un anno e nonostante la disponibilità da sempre del medico che faceva da anni gratuitamente i prelievi. Dalla maggioranza solo promesse e illusioni e si creano gravi disagi ai cittadini, soprattutto i più anziani».

Sotto accusa anche le scuole: «La retta per la mensa scolastica? È aumentata. Il servizio prescuola? Chiuso. I centri estivi? Chiusi. Le tasse comunali? Le più alte del nostro territorio. Il sistema di videosorveglianza del Piano per la sicurezza? Telecamere mai installate e bastavano circa 10.000 euro, il resto lo metteva lo Stato. Sicurezza per i pedoni con i rallentatori? Mai installati. Le frazioni? Le Contane e Gherardi ancora aspettano».

NUOVI PROGETTI

Voltiamo pagina commenta poi il recente annuncio dei lavori di manutenzione del teatro Cazzanti. «Come da nuova convenzione stipulata: nuove canalizzazioni, impermeabilizzazione della copertura, sigillature vecchie canalizzazioni e scassi per le nuove, 85.985,50 euro. Le spese saranno a carico della ditta Zarattini a saldo delle compensazioni ambientali che la ditta deve pagare al Comune. Quando e con che tempistica dovevano essere pagate visto che tutto inizia nel lontano 2017 e i lavori non si sa quando inizieranno? Triste è dover constatare che Jolanda ha un’amministrazione che non è in grado di fare nulla in autonomia. Il Comune quel poco che fa è solo grazie a fondi statali, regionali e per le aree interne oltre a quelli del Pnrr/emergenza Covid».

«Solo poco tempo fa Pezzolato e il vicesindaco Trombin tuonavano “non diventeremo una frazione di Copparo”, poi a Copparo chiedono personale in prestito e perfino la gestione del rifacimento del ponte della Barchessa è in carico al Comune di Copparo anche per la parte di Jolanda. Noi di Voltiamo pagina - chiudono - chiediamo di non fare promesse se non si possono garantire. E ribadiamo che è giunto il momento di un incontro pubblico nel corso del quale si possa programmare, affrontare e chiarire con la cittadinanza la situazione reale del paese. Attendiamo che il sindaco accolga l’invito che gli rivolgiamo attraverso un giornale, visto che ogni nostra richiesta fatta all’ente cade nel vuoto più assoluto».

© RIPRODUZIONE RISERVATA