Boom di contagi nel Ferrarese, sono 123 con un'incidenza altissima. Muore una donna

Le analisi sui tamponi: siamo al 25% di positività

Colpiti particolarmente il capoluogo, Cento e Mesola. Ospedali al limite. Altre 1.636 terze dosi

FERRARA. Boom di contagi nel Ferrarese, con un'elevatissima incidenza che fa pensare ad una circolazione molto elevata del virus. C'è un nuovo lutto, una donna di 79 anni di Ferrara deceduta oggi, 25 novembre, a Cona. E gli ospedali restano quasi totalmente pieni.

I nuovi casi sono 123, un numero che riporta ai picchi di agosto e maggio scorsi, concentrati in particolare a Ferrara (42 con 189 tamponi negativi), Cento (16) e in particolare Mesola (15 casi con 18 tamponi totali), dove evidentemente è stato scoperto uno dei due focolai segnalati oggi dall'Asl. L'incidenza sul numero totale di tamponi è altissima, quasi il 25%. Con sole 34 guarigioni la quota di attualmente positivi sale ben oltre quota 900, lontana in questo caso dai picchi precedenti. Sono poi 151 i nuovi ingressi in isolamento domiciliare, contro 170 persone uscite dalla quarantena.

Con 4 nuovi ricoveri di cui uno in Terapia intensiva, e un solo dimesso, resta al limite la situazione ospedaliera: 56 ricoverati su 56 posti Covid a Cona, 8 su 8 gravi; 9 ricoverati con 10 posti letto al Delta.

Prosegue senza sussulti la campagna di vaccinazione. Le dosi addizionali sono state ieri 1.636 sul totale di 1.906 vaccinazioni, il che porta a 40.477 i "booster" su 580.103 vaccinazioni totali effettuate dal 27 dicembre 2020.