Allarme per la variante sudafricana, il rugbista Biondelli bloccato a Città del Capo

Il ferrarese nelle fila delle Zebre era in Sudafrica con la squadra. Unione Europea e Gran Bretagna hanno bloccato gli arrivi dalla nazione africana  

IL Caso

Il blocco degli arrivi in Gran Bretagna e nella Ue dal Sudafrica a causa della nuova variante del Covid-19, considerata estremamente contagiosa e pericolosa, coinvolge anche un ferrarese.


Michelangelo Biondelli, atleta di rugby con presenze anche in azzurro, è infatti nei ranghi delle Zebre, la franchigia italiana con base a Parma che attualmente si trova a Città del Capo. La formazione italiana era in Sudafrica per disputare due partite nell’ambito dello United Rugby Championship .

Oltrre alla squdra italiana anche due gallesi e una irlandese, sono bloccate, dopo che il governo del Regno Unito ha annunciato il blocco dei voli dal Sudafrica per contrastare la diffusione di una nuova variante del Covid-19. Si tratta delle gallesi del Cardiff e degli Scarlets, e degli irlandesi del Munster.

«A seguito della notizia di una nuova variante di Covid in Sud Africa, Scarlets desidera assicurare alle famiglie e agli amici che stiamo facendo ogni sforzo per riportare il nostro gruppo nel Regno Unito il prima possibile», hanno dichiarato gli Scarlets in una nota.

Le Zebre da parte loro sono in contatto con le autorità competenti per un rientro in Italia in sicurezza, non appena possibile. «Le Zebre stanno bene, siamo chiusi in una bolla nel nostro albergo da qualche giorno. Ci siamo solo allenati, qualsiasi gita è stata fatta mantenendo sempre tutte le precauzioni. Siamo al sicuro, i ragazzi sono tranquilli e stiamo aspettando solo di tornare». Lo ha detto il presidente delle Zebre Rugby Michele Dalai in un videomessaggio dall’hotel a Città del Capo in Sudafrica. «Spero di potervi dare notizie sul rientro a brevissimo. La situazione a Città del Capo è molto più tranquilla di quanto viene descritta, noi restiamo per ora nella bolla in attesa di tornare».

Da valutare se al rientro i componenti della folta delegazione, solo gli atleti volati in Sudafrica come si legge nel sito delle Zebre, sono una trentina (e tra i convocati c’è appunto il nome di Biondelli), dovranno osservare un periodo di quarantena.

Biondelli, cresciuto nel Cus Ferrara, aveva rinnovato il suo ingaggio con le Zebre nel giugno scorso.

Un rinnovo fino al 30 giugno 2023 sottoscritto a coronamento di un’annata che ha visto il ferrarese collezionare 16 presenze e 3 mete segnate tra Pro14 ed Epcr Challenge Cup. Nella “Pagella zebrata” di OnRugby, Biondelli è stato indicato come il miglior giovane della rosa a disposizione di Bradley, nella quale si è messo in luce per continuità e qualità delle prestazioni.

«Sono contento di poter proseguire la mia esperienza alle Zebre Rugby - aveva detto all’epoca Biondelli -. Quest’anno penso di aver saputo cogliere le occasioni che mi sono state concesse, trovando più minuti in partita e crescendo su molti aspetti del gioco. Sono felice di poter continuare a garantire il mio contributo al club per i prossimi due anni».

© RIPRODUZIONE RISERVATA