Su Facebook insultò il sindaco che ora lo “grazia” e ritira la denuncia

Tutta colpa di  un incidente stradale in cui era incappato l’uomo, residente a Lagosanto: che  incolpò il Comune e in particolare il sindaco per il mancato ripristino della segnaletica in una via del centro appena asfaltata. E gli disse "idiota" e "testata di..."

LAGOSANTO. Il sindaco Cristian Bertarelli ha deciso di ritirare la querela per diffamazione, annunciata nel febbraio scorso, nei confronti di un cittadino che lo aveva pesantemente insultato su Facebook.

Alla base della vicenda, un incidente stradale in cui era incappato l’uomo, residente a Lagosanto: lui incolpò il Comune e in particolare il sindaco per il mancato ripristino della segnaletica in una via del centro appena asfaltata, prima con toni tutto sommato moderati ma pochi giorni dopo, sempre sul suo profilo Fb, passò alle volgarità indirizzate al primo cittadino, definito “testa di c...” e “idiota”.


L’azione legale era partita, ora invece il dietrofront. “Se pure sussistono tutte le motivazioni e la ragionevolezza di proseguire la querela – si legge nella delibera di giunta che dà conto della novità –, si ritiene che l’attività amministrativa sia in grado di scindere tra il diritto e dovere di tutelare l’immagine dell’amministrazione, e la comprensione per la frustrazione del cittadino, che se pur ampiamente fuori dalle righe e da ogni accettabile termine di confronto nonché esageratamente irrispettoso, non deve essere ulteriore ragione di divisione a danno di immagine per tutta l’intera comunità». In pratica un “atto di fiducia dell’amministrazione nei confronti del cittadino”, da intendersi però come “una tantum”, prosegue il Comune, perché “nei casi futuri non sarà più nemmeno preso in considerazione il ritiro di segnalazioni all’autorità giudiziaria”.

F.T.

© RIPRODUZIONE RISERVATA