Scrittura e arte visiva giovedì al Ridotto del teatro Comunale

La proposta di utilizzare scrittura e arte visiva come strumenti terapeutici sarà al centro del dibattito e della presentazione del libro intitolato “L’incontro” , in programma giovedì alle 18 nella sala del Ridotto del Teatro Comunale (corso Martiri della libertà 5, Ferrara – ingresso libero, con osservanza norme antiCovid). All’appuntamento – aperto a tutta la cittadinanza – interverranno l’assessore alla cultura Marco Gulinelli, il primario dell’Azienda Ospedaliera Universitaria di Ferrara Antonio Frassoldati, il socio fondatore di A-Rose e primario della radioterapia di Legnago, Francesco Fiorica e l’avvocato Sofia Tiengo con il coordinamento del presidente del consiglio comunale Lorenzo Poltronieri. Seguiranno gli interventi del medico oncologo Carmen Barile e del paziente Federico Grandesso, che parleranno del libro “Incontro” come contributo alla medicina narrativa e alla relazione medico paziente. Durante l’evento verranno proiettati i dipinti di Maurizia Braga, dedicati a “Il mondo interiore di chi ha navigato nell’oceano del grande male”.

L’iniziativa si inserisce nell’ambito del progetto “Umanizzazione della Medicina, scrittura ed arte come strumenti terapeutici e relazionali nel paziente oncologico” , che ci ha visti protagonisti in numerose serate di divulgazione del tema sul territorio, «ci siamo impegnati – dicono gli organizzatori – con varie azioni per andare incontro ai bisogni del malato oncologico durante tutto il suo percorso terapeutico grazie a un programma di lunga veduta. Tra le varie azioni messe in atto è stato anche pubblicato il libro “L’Incontro”».


La scrittura e la pittura vengono proposte come atto terapeutico al fine di esteriorizzare le emozioni e dare un portentoso strumento di rielaborazione del dolore. L’autobiografia dei personaggi, la drammatizzazione attraverso i dialoghi, i dipinti, danno vita alle voci interiori e alle paure, fino a un accordo “soddisfacente” .

© RIPRODUZIONE RISERVATA