Altri tre lutti e nove ricoveri al Sant’Anna

Decedute tre donne, una proveniva da una struttura protetta. Incidenza a quota 187, tra le progressioni più alte d’Italia

Tre lutti e 9 nuovi ricoveri sono i dati più pesanti di ieri sul fronte coronavirus. Il numero dei nuovi positivi, invece, risulta drasticamente abbattuto rispetto ai giorni precedenti, con 57 casi che comunque fanno ancora salire la quota dei malati. Ma la crescita di Ferrara è tra le più alte d’Italia.

I tre deceduti di ieri sono donne: una 93enne di Ferrara, proveniente da una struttura non ospedaliera, morta lo stesso giorno del ricovero a Cona, il 29 novembre; un’argentana di 90 anni deceduta dopo nove giorni di permanenza al Delta; e una 83enne di Copparo, che era ricoverata a Cona dal 22 novembre. Salgono così a 950 i decessi dall’inizio della pandemia. A livello regionale i lutti sono stati dieci.


Continua a crescere la necessità di ricoveri, e l’aumento ormai giornaliero dell’offerta riesce appena a soddisfare le nuove ospedalizzazioni. A Cona i 9 nuovi ricoverati, a fronte di 2 dimissioni, portano la saturazione dei posti letto Covid al 90%, nonostante l’aumento delle disponibilità: in pratica sono stati quasi totalmente saturati i 12 posti aggiuntivi in Medicina 2 Covid (disponibilità raddoppiata), nonostante i 10 nuovi posti di Cento siano già pieni e il Delta sia occupato all’80%. Un ricovero anche in Ostetricia Covid.

Rallenta invece la progressione di nuovi casi. I 57 nuovi positivi (26 a Ferrara, 6 a Cento, 3 a Fiscaglia e Portomaggiore tra gli altri) e soprattutto il 12,5% di positività sono in passo indietro rispetto agli 89 casi di lunedì, con un indice doppio. I guariti si fermano a quota 37 (20 nel capoluogo, 5 a Poggio Renatico), il che fa salire gli attualmente positivi oltre quota 1.200. In isolamento domiciliare sono finte altre 175 persone, mentre 122 sono uscite dalla quarantena.

La tendenza resta comunque da tenere sotto osservazione. «Assistiamo ad un costante incremento della curva - ha spiegato Emanuele Ciotti (Asl) a Salute Focus Ferrara - con l’incidenza arrivata a 187 casi ogni 100mila abitanti: la settimana scorsa era a 143 mentre l’1 novembre era a 49». Come sottolineato anche da Giovanni Sebastiani, ricercatore del Cnr, Ferrara è tra le prime 35 province per aumento dell’incidenza nell’ultima settimana, l’undicesima tra queste per incidenza (la precedono Bologna e anche Rovigo), con il Nord est a farla da padrone. Dati che spedirebbero l’Emilia subito in zona gialla se non fosse per la disponibilità di posti letto Covid ordinari e di TI Covid.

© RIPRODUZIONE RISERVATA