Contenuto riservato agli abbonati

Famiglia di Migliaro in casa con nove gradi: battiamo i denti, Enel ora ponga fine al nostro strazio

Contatori Enel

Marito e moglie con figlio 12enne costretti al freddo. Alla base del problema la richiesta di spostare il contatore 

MIGLIARO. Nove gradi. Non stiamo parlando del repentino abbassamento delle temperature degli ultimi giorni o dell’ormai vicino arrivo del solstizio d’inverno, bensì della gelida temperatura contro la quale una famiglia di Migliaro sta combattendo ormai da diversi giorni.

La causa di tutto ciò? L’inadempienza di Enel Energia che, a fronte di continui reclami, non è ancora riuscita a risolvere la situazione. Una soluzione che è davvero non più rinviabile, anche considerando il fatto che sta per avvicinarsi la stagione delle temperature più fredde.


L’origine della vicenda

Tutto è partito durante il mese di luglio, quando i proprietari dell’abitazione – marito e moglie con un figlio dodicenne – hanno chiesto a Enel, loro fornitore, lo spostamento del contatore del gas dal fianco della casa alla cancellata, al fine di effettuare la demolizione dell’abitazione e, soprattutto, per far arrivare il gas nella dependance dove la famiglia doveva trasferirsi.

Lo stallo

Dopo mesi di nulla di fatto, lo scorso 19 novembre un tecnico ha effettuato un sopralluogo ed inviato a Enel un preventivo che, però, non è ancora stato preso in carico dall’azienda.

Come in modo chiaro e deciso racconta Serena, proprietaria della casa: «Sto inviando continui reclami a Enel perché, nonostante sia sempre stata una cliente puntuale nei pagamenti, sto aspettando ormai da troppo tempo che questa situazione davvero paradossale venga risolta. Non è affatto normale – ribadisce la donna – svegliarsi con 9 gradi in camera da letto e questa situazione mi pesa ancora di più per mio figlio. L’ultimo reclamo l’ho scritto giusto l’altra notte visto che non riuscivo a dormire, ma praticamente ogni giorno contatto il call center passando ore al telefono. La soluzione, però, continua a non arrivare, a fronte di promesse di risoluzione entro poche ore. Continuano a dirmi che non riescono a collegare il preventivo alla mia pratica perché risulta annullata; ma ancora – conclude Serena –, non abbiamo capito chi potrebbe averla annullata».

In cerca di soluzione

Una situazione, quindi, estremamente delicata e ingarbugliata che si spera possa risolversi nel più breve tempo possibile, confidando che qualcuno tra i responsabili di Enel comprenda la gravità della situazione e pensi a una soluzione che, francamente, non sembra poi così difficile da realizzare.

L.B.

© RIPRODUZIONE RISERVATA