L’elogio dei coraggiosi Così i vigili del fuoco celebrano la patrona

Il vescovo nel tempio di San Cristoforo alla Certosa  Marchese: «Esaltiamo il valore delle nostre tradizioni»  

Vigili del fuoco in festa ieri per la patrona Santa Barbara. Una cerimonia limitata alla funzione religiosa, che è stata celebrata nel quattrocentesco tempio di San Cristoforo alla Certosa, alla presenza delle massime autorità civili e religiose. La messa è stata officiata dall’arcivescovo di Ferrara, monsignor Gian Carlo Perego: «Il vostro lavoro – ha detto il vescovo – insegna quanto sia importante andare in profondità a tutela delle persone e del territorio».

Dopo la funzione religiosa svoltasi con l’accompagnamento musicale della Schola Cantorum “S. Leonardo Abate” di Masi Torello, ha preso la parola il comandante provinciale dei vigili del fuoco, Antonio Giovanni Marchese: «Celebrando Santa Barbara, guida in mezzo ai pericoli, vogliamo esaltare il valore delle nostre tradizioni, ma anche realizzare un’importante rinnovata occasione per valutare con senso critico e spirito costruttivo i risultati del nostro lavoro».


Una professione che da sempre viene svolta con enorme spirito di sacrificio e di abnegazione, che vede impegnati i pompieri ferraresi con una media di 16 chiamate giornaliere. «Ogni due ore qualche vigile del fuoco in provincia di Ferrara si deve confrontare con sinistri di vario genere, in scenari e criticità spesso imponderabili», dice lo stesso comandante. Importante il rinnovamento tecnologico avvenuto nel corso del 2021, che ha visto un ammodernamento del parco mezzi provinciale, dove sono entrati in servizio 4 nuovi automezzi di primo soccorso (3 nuove Aps, autopompa serbatoio, e 1 Abp, autobotte pompa) e 6 veicoli per il trasporto di persone e beni.

«Importante il ruolo svolto dal corpo vigili del fuoco che ha gestito e continua a coordinare contesti operativi complessi, producendo ogni sforzo per affrontare le delicatissime situazioni contingenti per servire meglio un Paese che, anche a causa degli inarrestabili cambiamenti climatici, mostra ormai troppo spesso il suo fragile volto, corrugato da violente alluvioni e devastanti incendi di vegetazione», ha ricordato Marchese. Situazioni dove i vigili del fuoco ferraresi vengono inviati in supporto dei colleghi in servizio nelle zone colpite dalle calamità.

Stefano Balboni

© RIPRODUZIONE RISERVATA