Contenuto riservato agli abbonati

Ro piange la geologa con il sorriso buono: «Aveva appena preso un nuovo violoncello»

Michela Grillanda è morta a 46 anni, lavorava nell’azienda di famiglia. Cordoglio dal Consiglio nazionale geologi e dalla scuola Proscenio 

RO. Un grave lutto ha colpito la comunità roese: all’età di 46 anni per una tanto improvvisa quanto grave malattia è morta Michela Grillanda, per tutti “Michi”, stimata geologa che da alcuni anni era tornata a lavorare nell’azienda di famiglia. Appena la notizia ha cominciato a circolare sono state numerose le testimonianze di affetto e di cordoglio per i famigliari della donna. A partire dall’Ordine dei Geologi dell’Emilia– Romagna, che sulla propria Facebook ha scritto così: “Oggi la nostra comunità ha perso una ragazza frizzante e sempre disponibile con tutti. Con infinita tristezza siamo vicini alla famiglia. Ciao Michela Grillanda!!!”. La 46enne, peraltro, è stata eletta nella consulta dell’Ordine dei geologi per la provincia di Ferrara.

LAVORO e PASSIONI


Laureata in geologia a Ferrara, Grillanda ha lavorato per diverse aziende, non solo nella nostra provincia e non solo del settore. Per alcuni anni ha vissuto e lavorato in Abruzzo, poi tornata a vivere nella terra d’origine ha deciso alcuni anni fa di lavorare nell’azienda di famiglia, l’Idromineraria Grillanda Aldo di Marcello Grillanda & C. sas (sede in via dell’Artigianato 1), azienda specializzata in perforazioni di pozzi. Michela era tornata a Ro, proprio mentre la madre Maddalena stava andando in pensione e così l’avvicendamento è stato naturale. Poi in estate ha scoperto di essere malata e dopo pochi mesi la morte. Attualmente la 46enne conviveva con il compagno nella vicina Garofolo, in provincia di Rovigo. Lascia i genitori Aldo e Maddalena e il fratello minore Marcello.

Oltre alla geologia, l’altra grande passione era quella per la musica, suonava infatti il violoncello e la chitarra e lo scorso anno assieme all’amata zia aveva frequentato i corsi del centro musicale roese Proscenio: «Dal 2020 veniva da noi con grande entusiasmo - racconta il direttore Stefano Ongaro -, poi quando quest’anno non l’ho vista mi sono preoccupato, perché doveva tornare e so che aveva anche acquistato un nuovo violoncello. Siamo molto tristi per la morte di Michela, mancherà il suo sorriso buono. E certamente come scuola di musica intendiamo fare qualcosa per ricordarla adeguatamente».

L’ULTIMO SALUTO

La famiglia Grillanda è molto stimata nel territorio, in particolare per le attività di volontariato di Aldo, che a cavallo fra gli anni Novanta e il Duemila si è attivato per costruire pozzi con cui trovare la preziosissima acqua a favore delle popolazioni della Somalia. In tal senso furono organizzate molte iniziative nel territorio, in particolare nel novembre del 2004 fu realizzato un gemellaggio fra le scuole elementari di Ro e il villaggio somalo di Ayuub (Giobbe in italiano), suggellato dalla presenza a Ro della principessa Mana Sultan Abdurahman Ali Isse, che raccontò le difficoltà nel proprio Paese in Africa. Solidarietà e umanità sono le caratteristiche riconosciute a questa famiglia, trasmesse anche a “Michi”, salutata come detto con grande affetto dagli amici e da quanti l’hanno conosciuta e apprezzata nel corso degli anni. Oggi probabilmente sarà fissata la data per l’ultimo saluto: la messa dovrebbe essere celebrata venerdì pomeriggio nella chiesa di Ro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA