Altro picco di contagi e ricoveri nel Ferrarese: 371 positivi e 18 degenti in più

Lutti a Ferrara e Poggio Renatico. A Cona aggiunti altri due posti in terapia intensiva, oltre tremila dosi addizionali somministrate

FERRARA. Il territorio Ferrarese resta nella morsa del Covid. La pandemia continua a riservare numeri da spia rossa, e il bollettino diramato oggi (29 dicembre) lo conferma: due lutti (una donna di Poggio Renatico e un uomo di Ferrara, entrambi 88enni, deceduti ieri all'ospedale di Cona), 371 contagi (altro picco-record) e 18 ricoveri all'ospedale Sant'Anna, di cui tre in terapia intensiva: proprio per fronteggiare l'ondata di pazienti critici, a Cona il reparto intensivo ha aggiunto altri due letti, passando da 12 a 14, con tredici degenti. Quasi pieni i 118 posti dell'area adulti Covid, con 115 ricoverati, ed è alta l'occupazione anche del reparto ostetrico-pediatrico, con 6 ricoverati su 7 posti. Al Delta di Lagosanto, dove l'area Covid ha appena convertito altri  letti free, restano quattro posti liberi dei 72 disponibili, mentre sono al completo i 40 posti attivati al Santissima Annunziata di Cento.

Nelle ultime ventiquattro ore, dunque, sono stati individuati altri 371 contagi su 946 tamponi analizzati (e anche questo è un record), con 131 sintomatici. Sono 109 inoltre i guariti, con un "saldo" di 262 attualmente positivi in più.

Intanto la campagna vaccinale cerca di correre più veloce del virus: 3.508 le somministrazioni effettuate il 28 dicembre, di cui 3.029 dosi addizionali, 171 prime dosi e 308 seconde dosi. Oltre 670mila le vaccinazioni effettuate nel Ferrarese dal vax day di un anno fa.