Contenuto riservato agli abbonati

Codigoro. Il paese dice addio a Veronica: «Sarà sempre il nostro angelo»

Veronica Furegato, 19 anni

L’ultimo saluto alla 19enne deceduta dopo l’incidente d’auto. Domani (30 dicembre) la camera ardente, poi venerdì i funerali. Il sindaco ha indetto il lutto cittadino 

CODIGORO. Si terranno venerdì 31 dicembre alle 11 nella chiesa di San Martino a Codigoro i funerali di Veronica Furegato, 19enne codigorese deceduta il 15 dicembre scorso all’ospedale di Cona, a una settimana dal tragico scontro frontale avvenuto, la sera dell’8 dicembre, lungo la strada Provinciale 53. In occasione del funerale il sindaco Sabina Alice Zanardi proclamerà il lutto cittadino. Lo straziante riconoscimento del corpo della giovane, che dopo il diploma all’istituto d’arte Dosso Dossi, si stava affermando nel mondo della moda, è stato effettuato lunedì pomeriggio, mentre oggi è previsto il trasferimento della bara presso la camera mortuaria della Casa della salute di Codigoro.

Il cordoglio


Domani sarà allestita la camera ardente. Al termine delle esequie funebri, la salma sarà trasportata al Giardino della cremazione di Copparo. Ai tantissimi, fra parenti, amici, ex compagni di scuola ed ex insegnanti di Veronica, che in questi giorni di dolorosa attesa hanno voluto far sentire la loro vicinanza ai genitori, mamma Natascia, ha sempre risposto che «lei era la nostra vita, ora è il nostro angelo».

Studi e sogni

Da settembre la 19enne dal sorriso radioso e dagli occhi di cristallo frequentava, con profitto, la scuola di moda Vitali di Ferrara, ma da un paio di anni si stava facendo apprezzare tra le passerelle delle sfilate organizzate dalla stilista comacchiese Patty Farinelli e dal negozio Onda Fashion Quarantotto Street di Lagosanto. Struggenti i ricordi che in queste settimane si sono avvicendati sul web e anche attraverso lettere scritte dagli ex docenti e alunni del Dosso Dossi, increduli per l’improvvisa, prematura, scomparsa di Veronica. La luce degli occhi luminosi della 19enne di Codigoro continuerà però a brillare nel volto di due persone, coperte dall’anonimato, che attendevano il trapianto delle cornee.

Giorno di lutto

E Veronica continuerà a vivere attraverso il dono dei suoi organi espiantati e anche il suo cuore continuerà a battere, grazie al gesto di straordinaria generosità e carità, voluto da mamma Natascia e da papà Alessandro. San Silvestro per Codigoro sarà un giorno di lutto, silenzio e rispetto, per stare accanto a due genitori straordinari, che dopo aver perso la loro unica figlia, hanno saputo regalare speranza ad altre persone, autorizzando l’espianto degli organi. La famiglia raccomanda, infine, non fiori, ma opere di bene per ricordare con un gesto di altruismo la figlia scomparsa.

Katia Romagnoli

© RIPRODUZIONE RISERVATA