Ripapersico e Dogato in lutto per il pensionato: perse il figlio nel 2005

Da sinistra Luca Grassi, 65 anni, e il figlio Emanuele, morto nel 2005

RIPAPERSICO. Forse le parole più belle sono quelle in testa all’epigrafe: “Il cielo ha voluto far riabbracciare il suo indimenticato Emanuele al suo caro papà”. Mercoledì all’età di 65 anni è morto Luca Grassi, pensionato portuense che nel 2005 assieme alla moglie Cristina aveva dovuto subire la più grande delle tragedie, la perdita dell’unico figlio in un incidente stradale.

Grassi era persona conosciuta, sia nel Portuense dove abitava che a Dogato, suo paese d’origine e dove peraltro era andato abitare il figlio fresco di matrimoni. Il pensionato, che soffriva di alcune patologie pregresse, è morto mercoledì all’ospedale Sant’Anna di Cona, lasciando nel dolore la moglie Cristina, la mamma Francesca, la sorella Serena, il cognato Marco, la nipote Fabiola, tutti gli altri parenti e quanti l’hanno conosciuto.


Grassi aveva lavorato per tantissimi anni alla General Cavi spa di Argenta, prima di raggiungere la meritata pensione.

LA TRAGEDIA

Inevitabile però parlare della grande tragedia che colpì la famiglia Grassi nell’agosto del 2005, quando la moto Kawasaki condotta da Emanuele Grassi con a bordo la moglie Emanuela Girotti si scontrò con un’automobile che viaggiava in direzione opposta in via Comacchio, nei pressi di Masi Torello. Un incidente terribile, che provocò la morte sul colpo di Emanuela, 26 anni originaria di Final di Rero, mentre il figlio del 65enne fu sottoposto a un delicato intervento all’ospedale Sant’Anna, dove è morto però poche ore dopo la moglie, all’età di 29 anni. La coppia si era sposata un anno prima e viveva nella nuova casa a Dogato, lavorando entrambi in un’azienda di Molinella che produce macchine da caffé. La coppia viveva in precedenza a Ripapersico, paese appunto dei genitori di Emanuele, e per un paio d’anni anche a Portomaggiore, prima di acquistare casa a Dogato. La cerimonia funebre fu effettuata alla fine di agosto nella chiesa di Dogato: si trattò di un rito unico per marito e moglie, al quale parteciparono tante persone da diversi paesi.

Invece, l’ultimo saluto a Luca Grassi sarà dato martedì mattina, con messa alle 10 nella chiesa parrocchiale di Ripapersico. Al termine della cerimonia si proseguirà per il Crematorio “Anèmòs” di Molinella, poi l’ultimo viaggio al cimitero di Dogato, dove dal 2005 si trovano vicine l’una all’altra le bare della coppia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA