I fenicotteri rosa del Parco del Delta adesso si possono anche adottare

La quota che viene versata sevirà a tutelare anche altre specie di uccelli acquatici

COMACCHIO. I fenicotteri rosa si possono adottare. Anzi, sarebbe meglio provare a farlo per aiutare il Parco del Delta del Po ad assisterli nel loro habitat. Con “Adotta un fenicottero” si darà la possibilità a tutti di partecipare alla tutela di quella che ormai è diventata senza dubbio la specie simbolo del Parco del Delta del Po, l’elegante e affascinante Phoenicopterus roseus. Una specie che ha colonizzato il Parco del Delta del Po a partire dal 2000, quando le prime coppie hanno cominciato a costruire il nido all’interno della Salina di Comacchio. Oggi nel Parco del Delta del Po vivono oltre diecimila esemplari di fenicottero e nidificano circa tremila coppie.

Il fenicottero è una specie oggetto di ricerche a livello mondiale e, sin dall’inizio della sua nidificazione nel Parco del Delta, è stata studiata dall’Istituto superiore di protezione e ricerca ambientale (Ispra), dall’Associazione degli Ornitologi dell’Emilia-Romagna e dall’Ente Parco. Per capirne meglio i movimenti e le migrazioni, e programmarne quindi la tutela e conservazione, vengono apposti nella zampa di alcuni giovani degli anelli colorati dotati di codice alfanumerico, decifrabile dagli ornitologi di tutto il mondo. Negli anni, molti di questi anelli sono stati letti e riletti nel Delta, ma anche in altre zone umide italiane (Veneto, Puglia, Toscana e Sardegna) e di tutto il bacino del Mediterraneo (Spagna, Francia, Grecia e Turchia).


COME FUNZIONA

Chi adotterà un fenicottero aiuterà l’Ente Parco a conservare attivamente le Valli di Comacchio, la casa dei fenicotteri, e riceverà periodicamente le informazioni sugli spostamenti del “proprio” esemplare. Ma la quota versata per l’adozione sarà un contributo fondamentale anche per la tutela di tante altre specie di uccelli acquatici altrettanto importanti e affascinanti, anche se magari meno appariscenti, come le colonie nidificanti di gabbiani e sterne, che sono probabilmente l’elemento più rilevante delle grandi Valli. Cosa fare per aderire al progetto “Adotta un fenicottero”? Sarà sufficiente inviare una mail all’Ente Parco (parcodeltapo@cert. parcodeltapo.it) con indicati nome e cognome; indirizzo di posta elettronica sulla quale ricevere gli aggiornamenti sul proprio esemplare; copia del versamento del contributo di almeno 10 euro nel conto corrente dell’Ente Parco, Iban: IT46J0103023500000001520537 intestato a Ente di gestione per i Parchi e la Biodiversità – Delta del Po con causale: Adotta un fenicottero.

© RIPRODUZIONE RISERVATA