Contenuto riservato agli abbonati

Argenta. Donna ferita nella lite per il parcheggio riservato ai disabili

Il diverbio scatenato dalla presenza di un’auto nello stallo. Raccontate due versioni dei fatti: indagini della Polizia locale

ARGENTA. Tre donne discutono animatamente per la sosta su un parcheggio per disabili e una di queste signore finisce all’ospedale. Nulla di grave da quanto risulterebbe, ma sull’intera vicenda la polizia locale dell’Unione Valli & Delizie sta indagando perché vuole vederci chiaro. Infatti, le versioni sono due e non coincidono e, per questo, i quattro agenti che sono intervenuti si affideranno non solamente alle eventuali testimonianze ma, se sarà possibile, controlleranno le registrazioni di eventuali telecamere presenti sul luogo della diatriba.

L’episodio è successo ieri mattina verso le 11.15. Il luogo del contendere è il parcheggio davanti al Tigotà, dove un tempo c’era anche la sede dell’Avis di Argenta. Tutto sarebbe partito da un parcheggio per disabili occupato da un’automobile con dentro due signore. Una di queste ha dei problemi di deambulazione, tanto da utilizzare delle stampelle. A un certo punto, arriva una seconda auto con alla guida la terza signora che da quanto risulta reclama lo stallo per disabili. Fa capire alle due nella prima vettura che non possono parcheggiare in quel punto. Il tira e molla su chi dei due ha ragione e, quindi poter parcheggiare, si trasforma in un’accesa discussione. I toni non sono proprio da Natale finché fra la terza signora, quella che ha reclamato lo stallo, e una delle due donne in auto, il diverbio supera il limite, anche perché si stavano scattando delle foto. Da questo punto in poi, non è proprio chiaro cosa sia successo, fatto sta che la terza donna è caduta a terra, mentre l’auto con le altre due è partita e se n’è andata e una delle due pattuglie le ha rintracciata a casa, mentre gli altri colleghi in divisa sono rimasti sul posto per capire cos’era capitato. Sul posto oltre, agli agenti della polizia locale, è stato richiesto l’intervento del personale del 118 del dirimpettaio ospedale argentano, nosocomio dove è stata portata, curata e dimessa la donna ferita.


Come detto, spetterà alla polizia locale ricostruire l’accaduto proprio perché le versioni di come sarebbero andati i fatti, sono discordanti.

G.C.

© RIPRODUZIONE RISERVATA