Contenuto riservato agli abbonati

Cento. Militare in pensione muore dopo un mese dall’investimento

Stefano Zema, 64 anni

Stefano Zema, 64 anni, si è spento lo scorso 22 dicembre. L’incidente stradale, poi il coma da cui non si è mai svegliato

CENTO. Gli sono stati fatali ferite e traumi riportati in un incidente stradale e, a distanza di circa un mese da quel sinistro, lo scorso 22 dicembre è spirato all’ospedale Sant’Anna di Cona. È questo l’amaro destino che ha segnato irrimediabilmente Stefano Zema, 64 anni, colonnello in pensione dell’esercito italiano, siciliano di nascita ma centese d’adozione.

La carriera


La sua carriera militare, infatti, si è svolta interamente a Castelmaggiore, nel Bolognese, dove ha sede il reggimento genio ferrovieri. Qui Zema era approdato nel lontano 4 gennaio 1982, 40 anni fa proprio ieri, e qui si era congedato il 15 marzo del 2012 con i gradi di colonnello, dopo aver svolto funzioni di ufficiale addetto alle informazioni, nel settore sicurezza.

Un capufficio, un superiore stimato e apprezzato, la sua prematura dipartita ha gettato nello sconforto i suoi vecchi colleghi, che ne parlano commossi con sincero affetto e immutata stima, umana prim’ancora che professionale, ricordandolo con lo stesso calore anche dopo dieci anni dalla sua messa in quiescenza.

Zema era nato il 3 settembre del 1957 in Sicilia e nella sua Messina si era diplomato geometra con il massimo dei voti a 19 anni, approfondendo le proprie conoscenze in costruzioni, topografia ed estimo. Poi, il servizio di leva e quindi la scelta della carriera militare nell’esercito, il trasferimento al Nord, l’approdo lavorativo nel Bolognese e abitativo nella vicina Cento, in via San Isidoro, dove viveva assieme alla moglie.

La tragedia

Un mese fa quel tragico incidente in via Ferrarese: in un primissimo momento non sembrava dovesse avere conseguenze così gravi, ma poi il coma e il decorso ospedaliero a Cona che non ha più lasciato spazio a speranze di ripresa, fino all’esito irrimediabile.

Viste le circostanze che hanno portato al decesso, con un procedimento comunque già in atto a seguito dell’incidente stradale, sono stati naturalmente disposti gli esami autoptici. Ora che la salma è stata restituita alla famiglia, finalmente è stato possibile organizzare il funerale.

L’addio

E l’estremo saluto a Zema sarà dato sabato prossimo, 8 gennaio, partendo dall’ospedale Sant’Anna di Cona per la chiesa provvisoria del Penzale, dove il feretro arriverà alle 10.30. Dopo la santa messa Zema sarà tumulato nel cimitero di Cento.

© RIPRODUZIONE RISERVATA