Poggio Renatico è in lutto per il 55enne “Chino” Pozzati

Originario di Ferrara  era un dipendente di Hera  che per amore delle moto ha fondato il Team Pozzatolini Lascia moglie due figli

«Tante passioni e quella voglia di scherzare che aveva in ogni occasione». Sono molti i messaggi di questo genere per salutare Marco Pozzati, 55enne di Ferrara che abitava da anni a Poggio Renatico, morto per il Covid il giorno dell’Epifania all’ospedale Sant’Anna di Cona.

Originario del quartiere cittadino Barco, poi residente per anni a Pontelagoscuro, in seguito il successivo trasferimento con la famiglia a Poggio, dove si era ben presto integrato. D’altronde, Pozzati, per tutti “Chino”, era uomo dalle grandi passioni, in particolare lo sport, dalle moto alla pesca. Ed entrambe queste passioni le aveva praticate e ancora le praticava, trasmettendo questo amore per lo sport ai figli, perché Alessio a sua volta ha corso anni con le minimoto e le moto, mentre Luca prima ha giocato e poi ha è stato allenatore di basket per il Gs Gallo. Pozzati con il figlio Alessio e alcuni amici aveva anche un team di moto, chiamato Pozzatolini, con cui partecipava a varie gare.


Studente dell’Ipsia, Pozzati lavorava da molti anni per Hera occupandosi delle segnalazioni di guasti. E a ricordarlo in questi giorni sono gli amici di infanzia, come il noto organizzatore di eventi Franco Casoni o i suoi ex insegnanti e compagni di classe dell’Ipsia. Pozzati era molto conosciuto, il soprannome Chino deriva da quello di “Marchino” di quando era piccolo, ma per tanti amici e conoscenti era anche Pozz. Ricoverato da alcuni giorni all’ospedale Sant’Anna per aver contratto il coronavirus, la situazione si è ben presto aggravata.

Oltre a lasciare la moglie Elisa e i figli, Pozzati lascia la madre Ivana. L’ultimo saluto al 55enne sarà dato martedì mattina, con benedizione alle 11.30 direttamente nella camera mortuaria del Sant’Anna di Cona, poi l’ultimo viaggio all’Ara crematoria in Certosa. A chi vorrà ricordare Chino la famiglia non chiede fiori ma donazioni all’associazione italiana sclerosi mutipla.

© RIPRODUZIONE RISERVATA