Canone mensile di 230 euro per gli ambulatori dei medici

FERRARA. Con una delibera datata 30 dicembre 2021, l’Ausl di Ferrara ha approvato il contratto di concessione d’uso temporaneo di locali, quali studi medici a favore di medici di medicina generale titolari di convenzione in diverse località della provincia.

Il punto 5 dell’Accordo regionale prevede per le forme associative di medicina generale, in particolare per le forme della medicina di gruppo, “la possibilità di utilizzo di spazi ambulatoriali messi a disposizione delle aziende sanitarie, anche con dotazione strumentale”. In questo quadro, bisogna tenere conto che alcune medicine di gruppo in provincia sono state sciolte per la mancanza del numero minimo di medici associati, causata dal progressivo pensionamento e con l’impossibilità di ricostituire immediatamente tali associazioni con i nuovi medici subentranti. Nei locali concessi vi sono però le attività ambulatoriali dei professionisti rimasti, così si è reso necessario disciplinare il rapporto di utilizzo dei locali già assegnati, come richiesto dalla direzione dei rispettivi distretti sanitari interessati, al fine di continuare a effettuare l’assistenza sanitaria di base nei medesimi locali.


Così, l’ufficio patrimonio dell’Ausl ha stimato un canone unico, fissato in 230 euro mensili, comprensivo della quota di spese di gestione dei locali (2.760 euro complessivi a studio medico, finiranno nel bilancio 2022). Lo schema contrattuale è stato approvato per gli spazi in uso ai medici nelle seguenti strutture in uso all’azienda: a Vigarano Mainarda, in via Argine Reno 79; a Goro, in piazza Togliatti 69; a Migliarino, in via Fiorella 8; a Berra, in via Bellaria 10.

© RIPRODUZIONE RISERVATA