Contenuto riservato agli abbonati

È morto tre giorni dopo l’incidente

Non ce l’ha fatta l’anziano travolto da un’auto lunedì in via Ricciarelli. Il commosso ricordo del nipote Raffaele

FERRARA. Non ce l’ha fatta Bruno Rambaldi, l’anziano di 91 anni morto tre giorni dopo l’incidente stradale di cui era stato vittima lunedì in via Ricciarelli ad Aguscello, a due passi da casa.

Rambaldi era ricoverato nel reparto di rianimazione dell’ospedale di Cona in condizioni gravissime. Era stato scaraventato a terra dopo l’urto contro un’auto e aver battuto la testa contro un cassonetto dei rifiuti che si trova davanti a casa.


Il ricordo del nipote

«Era appena uscito per andare dal medico - ricorda commosso il nipote Raffaele al quale era legato da un affetto particolare - aveva attraversato la strada ma prima di risalire in sella è stato urtato da una vettura che in quel momento stava transitando in via Ricciarelli. Devo ringraziare una vicina di casa per la sua cura e l’umanità nel soccorrere mio nonno. È uscita di casa sentendo il trambusto e si è accertata subito delle condizioni di mio nonno che con un filo di voce gli avrebbe detto che non si sentiva bene. Lo ha girato su un fianco ed è tornata in casa per portare delle coperte ed avvolgerlo in attesa dell’arrivo dell’ambulanza e dei primi soccorritori. Purtroppo le condizioni del nonno sono sembrate subito molto gravi e dopo tre giorni, nei quali spero non abbia sofferto, nel primo pomeriggio ho avuto la notizia della morte da mio papà per telefono»

Raffaele ricorda anche la stima che avevano tutti i residenti di Aguscello del nonno.

«Aveva le chiavi di tantissime case e ville delle zona - spiega - perché andava a svolgere lavori di manutenzione nei giardini. Era ben voluto da tutti, una vera istituzione».

Caso Tartari

Tra l’altro Rambaldi è stato il primo a dare l’allarme nella vicenda del sequestro e della morte atroce di Pierluigi Tartari avvenuto nel settembre del 2015.

Bruno era molto amico di Tartari e il mattino dopo la sua scomparsa doveva andare a casa sua a prendere una pizza che Pierluigi gli aveva preso la sera prima. Fu lui a vedere delle strane macchie di sangue vicino al garage e che c’era qualcosa che non quadrava dando l’allarme alle forze dell’ordine.

Il dolore di Aguscello

La notizia della morte di Bruno Rambaldi ha provocato molto dolore nella comunità di Aguscello dove era conosciutissimo per la sua bontà d’animo e per la grande disponibilità verso il paese. Il centro sociale di Aguscello partecipa al dolore della famiglia. Bruno lascia la moglie Alberta Grotti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA