A Portomaggiore le scuole medie di via Roma diventeranno alloggi Acer

L’intervento sul vecchio edificio prevede una riqualificazione completa. Il sindaco Bernardi: «Abbiamo colto una grande opportunità». Dalle vecchie aule si passa a otto appartamenti. Idea co-housing per gli anziani 

PORTOMAGGIORE. Un’ottima notizia per Portomaggiore: le scuole medie di via Roma, in pieno centro, ormai inutilizzate da tempo, saranno recuperate e destinate ad alloggi pubblici. Il bando a cui è stato candidato l’intervento è quello chiamato “Sicuro, verde e sociale – riqualificazione dell’edilizia residenziale pubblica” della Regione Emilia Romagna, che sarà gestito tramite Acer e finanziato con fondi del Piano nazionale degli investimenti complementari al Piano nazionale di ripresa e resilienza.

Il recupero


L’intervento sul vecchio edificio, molto caro a diverse generazioni di portuensi, prevede una riqualificazione completa, con adeguamento sismico e riqualificazione energetica con un salto di tre o più classi, mediante realizzazione di cappotto termico interno, isolamento copertura/sottotetto, isolamento solaio seminterrato/controterra e sostituzione degli infissi, nuovi impianti di riscaldamento autonomi a pompa di calore, impianti radianti; a pavimento, installazione impianto fotovoltaico e relativo accumulo.

Un rinnovamento totale, dunque, per passare dalle vecchie aule a ben otto alloggi, che potenzialmente potranno essere destinati anche a progetti innovativi di co-housing per gli anziani o altre iniziative diverse rispetto al semplice alloggio.

«In gran fretta, visti i tempi strettissimi di questo bando, assieme ad Acer abbiamo confezionato questa proposta: l’opportunità per gli edifici scolastici inutilizzati in questo bando era davvero irripetibile. È stata l’idea giusta e veniamo premiati con il finanziamento, una immensa soddisfazione». A parlare è l’assessore Michela Bigoni. Le fa eco il sindaco Dario Bernardi: «Abbiamo colto davvero un grande risultato, un intervento importantissimo che finalmente dà una destinazione e nuova vita ad un edificio in pieno centro, una bella boccata d’ossigeno – speriamo sia solo l’inizio di altri finanziamenti che potranno dare un volto nuovo a Portomaggiore. Ora avanti con la progettazione esecutiva e speriamo di vedere realizzati presto i lavori».

I progetti

Le idee e i progetti dunque già ci sono, ma soprattutto sarà certamente fondamentale anche per il decoro urbano iniziare a vedere immobili con una nuova veste, recuperati e sistemati. In un periodo in cui si tende molto a costruire piuttosto che a provare a recuperare, il lavoro che verrà fatto sulle vecchie scuola di via Roma può rappresentare una spinta, un punto di partenza per iniziare a ragionare verso prospettive diverse. Di edilizia pubblica ce ne è sempre più bisogno, così come di spazi comuni per le categorie più deboli, in particolar modo dopo la bufera che tutti quanti stiamo vivendo e che sta cambiando le nostre vite.

© RIPRODUZIONE RISERVATA