Contenuto riservato agli abbonati

Cento. «Da due mesi senza sacchetti». Disagi nella raccolta dell’umido

Le tabaccherie convenzionate segnalano questo disservizio per i cittadini. Clara: «I ritardi nel riassortimento sono causati dall’aumento dei contagi»

CENTO. «È da ben prima di Natale che non riceviamo le dotazioni di sacchetti per l’umido e questo ovviamente è un disservizio per i nostri clienti». La lamentela arriva da una tabaccaia del Centese, una delle tante che ha realizzato la convenzione con Clara per la distribuzione dei kit per la raccolta rifiuti ai residenti, che per ritirarlo devono presentare la bolletta di Clara. «Questo servizio è in funzione dal 2019, finora non vi era stato alcun tipo di problema. Ma da oltre un mese, ormai quasi due penso, siamo tutti senza sacchetti dell’umido e chiaramente la gente protesta, perché costretta ad acquistare i sacchetti nei negozi».

In effetti, le segnalazioni di questo tipo erano state effettuate già da settimane anche nelle pagine Facebook dei paesi del Centese, «si è deciso semplicemente avvisare i clienti del disservizio, per evitare venissero apposta in tabaccheria a chiedere i sacchetti che non abbiamo». E poi, se una persona ritira il kit senza sacchetti dell’umido poi non può più ritirarli.


Problemi a monte

E non è tutto, alcuni tabaccai centesi per vederci chiaro si sono rivolti direttamente alla Novares spa, azienda romana (sede in via Trastevere) che produce i sacchetti. «Dopo vari tentativi di telefonare a questa azienda, finalmente ci è stato risposto che la colpa è di Clara - racconta la tabaccaia centese -, cioé ci hanno spiegato che loro ricevano i sacchi da Clara, poi fanno la loro produzione e li rimandano alla Federazione tabaccai di Ferrara, che provvede a distribuirli alle tabaccherie aderenti. Ma quando avevo contattato Clara la prima volta neppure era a conoscenza del problema che ho provveduto a segnalare, dunque la risposta di questa azienda di Roma pare quantomeno strana».

Il disagio, peraltro, non è chiaramente limitato al solo territorio centese, come ben sanno a Clara, che sollecitati sul tema hanno prontamente inviato una nota di risposta, per spiegare come stanno le cose.

«Soluzione vicina»

«A causa dell’aumento dei contagi da Covid-19 - spiegano da Clara -, il quale coinvolge come è noto tutti i settori produttivi, oltre ai servizi pubblici, si stanno verificando ritardi nel riassortimento dei sacchi Clara, in particolare quelli per la raccolta dell’umido organico, presso le tabaccherie convenzionate. Il problema dovrebbe risolversi a breve: si prevede che i sacchi per l’umido tornino disponibili in tutte le tabaccherie entro la metà della prossima settimana».

Clara poi spiega che vi sono soluzioni alternative, nell’attesa che vengano distribuiti i sacchetti dell’umido previsti nel kit: «Ricordiamo nel frattempo che per l’umido organico sono ammessi tutti i sacchetti biodegradabili e compostabili, compresi gli shopper di negozi e supermercati e i sacchettini per l’ortofrutta. Anche per la raccolta di plastica e lattine è sempre possibile utilizzare sacchi non marcati Clara, purché semitrasparenti, di colore giallo o neutro».



© RIPRODUZIONE RISERVATA