Contenuto riservato agli abbonati

Oggi Lupo entra ufficialmente in casa Spal. E subito un colloquio con mister Venturato

Il responsabile dell'area tecnica si insedia con Pizzoli, Donatelli, Ortoli e Cericola. Da sciogliere il nodo relativo alla panchina

Il club tra campe workshop per istruttoriEstate è anche sinonimo di Spal Camp (rivolti a bambini/e e ragazzi/e dai 6 ai 14 anni), nonché un’occasione formativa e di divertimento per tutti coloro che riconoscono nello sport e nel calcio una fase importante di crescita. Sul sito ufficiale biancazzurro sono presenti i dettagli riferiti a offerte, date (dal 13 giugno al 5 agosto), kit e proposte specifiche. Le location cittadine saranno quelle del "Mazza" e del convitto (questo per la formula "night"), mentre in zona lidi spicca il Village Spiaggia Romea, tradizionale perla di Nazioni. Intanto prosegue il ciclo dei workshop informativi riservati agli istruttori di calcio vogliosi di confrontarsi sulle più recenti metodologie, inerenti soprattutto all’attività di base, insieme ai tecnici ed ai preparatori del vivaio spallino. La seconda tappa - mirata al tema "Esordienti", dopo l’avvio con "Pulcini" e "Piccoli Amici" - si svolgerà questo lunedì (alle 19) al "Mazza" (iscrizioni gratuite tramite format sul sito Spal). La chiusura di lunedì 23 sarà dedicata alla gestione del passaggio dall’attività di base a quella agonistica che coinvolge la categoria "Giovanissimi". Massimiliano De Gregorio (responsabile attività di base spallina) si è dichiarato felice di questo confronto.
ferrara. Gli ultimi dettagli sono stati definiti e nella giornata di oggi Fabio Lupo assumerà ufficialmente l’incarico di nuovo responsabile dell’area tecnica biancazzurra. Il dirigente pescarese (1964) sarà accompagnato nella nuova avventura spallina da nomi di assoluta garanzia personale (Alessandro Pizzoli, Mario Donatelli, Armando Ortoli e Giovanni Cericola), con i quali ha già lavorato in passato. Lupo andrà a firmare un contratto biennale con opzione (o rinnovo automatico in base ai risultati) per una terza eventuale stagione sportiva. Sintomo della grande fiducia che Joe Tacopina ripone nell’uomo che ancor oggi viene ricordato come colui che ai tempi condivisi di Venezia aveva avuto il coraggio di lanciare Alessio Dionisi (mister in perenne ascesa nel calcio italiano fra le magie di Empoli e l’attuale campionato al Sassuolo). Dopo il saluto a Giorgio Zamuner, Massimo Tarantino e Ivone De Franceschi, la Spal è dunque pronta a ripartire con le nuove idee messe sul tavolo da un Tacopina voglioso di riscatto dopo una prima stagione fatta di poche gioie. Lui, il presidente, in costante contatto diretto e operativo con Lupo da giorni - nonostante il fuso orario - e in procinto di tornare in Italia tra qualche settimana (probabile fine maggio/inizio giugno). In quel momento la pianificazione del mercato partirà e le vele dell’estate si spiegheranno totalmente. Anche perché la Spal sarà già conscia di sapere chi occuperà la panchina nella prossima stagione. Entro questo weekend, infatti, sarà sciolto il cruciale nodo legato a Roberto Venturato. L’incontro decisivo con Lupo è imminente. Il nuovo dirigente crede molto nell’ex tecnico del Cittadella (dandogli una squadra da inizio anno e condividendone la sua creazione), Venturato ha un contratto in essere fino al giugno del 2023 per cui sarà proprio la volontà del mister a fare la differenza. Questione di feeling ma in particolar modo questione di equilibri da ritrovare al 100% (e Lupo in questo garantirebbe viste le riconosciute doti di gestione della quotidianità) per ripartire privi di compromessi dopo un finale di stagione che senza troppi giri di parole aveva messo a dura prova la chimica iniziale tra Venturato e il presidente (da lì, l’uscita del nome di De Rossi che però guarderebbe altrove per partire con la nuova vita da allenatore).Invece non sono previste rivoluzioni in ambito giovanile: il responsabile del vivaio rimarrà certamente Andrea Catellani. Con ancora un anno di quel contratto firmato l’estate scorsa dopo la partenza di Ruggero Ludergnani verso Torino. Intanto il tecnico federale della Nazionale Under 17, Bernardo Corradi, terminato il raduno di Tirrenia, ha inserito i due giovani biancazzurri classe 2005 Filippo Saiani e Fabio Parravicini tra i venti azzurrini che voleranno in Israele per disputare la fase finale del Campionato Europeo di categoria. Il debutto lunedì alle 16.30 contro la Germania al Municipal Stadium di Ness Ziona.Alessio Duatti© RIPRODUZIONE RISERVATA